Riviera: Mestre-Adria, meno passaggi a livello

Con l’introduzione del nuovo orario ci saranno i rimborsi

Linea ferroviaria Mestre – Adria, si punta ad una riduzione dei passaggi a livello e delle stazioni dei treni. Entro il mese, partirà anche il rimborso per i disagi patiti dagli utenti. A spiegarlo sono i sindaci della tratta, e anche i referenti dei comitati, che hanno incontrato nelle scorse settimane i vertici di Sistemi Territoriali, la società che gestice la linea ferroviaria utilizzata ogni giorno da migliaia di utenti.

La società ha spiegato di aver avuto buone disponibilità dai comuni per progettare nel corso degli anni la chiusura di un buon numero di passaggi a livello. Sui 66 attuali, ci sono le possibilità di poterne chiudere una quindicina. I passaggi a livello sono, su un tratto di 50 chilometri, 50 pubblici e 16 privati.

“Gli incontri hanno evidenziato – spiega Gian Michele Gambato direttore di Sistemi Territoriali – come in certe zone urbanizzate, da Piove verso Mestre, sia difficile procedere a chiudere alcuni passaggi a livello, e trovare contemporaneamente una viabilità alternativa. Molto complicata è la situazione a Mira, che ha un tessuto urbano molto fitto nei tratti attraversati dalla linea. Anche la riduzione delle ,fermate, che sono 16 da Mestre ad Adria, porterebbero ad un risparmio dei tempi di percorrenza dei convogli. Con l’introduzione del nuovo sistema di gestione a binario unico, un viaggio da Mestre ad Adria è lungo un ora e 35 minuti. Prima era un ora e 20. Il tempo legato al transito nelle stazioni è di 42 minuti. Sistemi Territoriali poi ha affrontato il problema del nuovo orario e della soppressione di alcune corse. Il nuovo orario prevede un anticipo delle corse di 15 minuti per mantenere invariati gli orari di arrivo. Sarà affrontato anche il problema dei rimborsi per i disagi patiti, dopo l’entrata in vigore del nuovo orario. A poter richiedere i rimborsi saranno esclusivamente i titolari di abbonamenti.

Alessandro Abbadir

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento