Borgoricco: nasce il Patto di comunità per famiglie in difficoltà

Si tratta di uno strumento di lavoro in cui sono coinvolti Comune, scuole, privati e associazioni

Un Patto di comunità a sostegno delle famiglie con bambini e figli minori in difficoltà economica o sociale. Il nuovo progetto è stato presentato e inaugurato lo scorso 23 febbraio ed è stato sottoscritto tra enti, associazioni e attività produttive del territori. “È un Patto di comunità in cui ogni parte sociale del territorio si impegna a sostegno delle famiglie e della tutela dei minori – ha commentato l’assessore al Sociale Gabriella Boesso -. Un’alleanza territoriale che dà valore aggiunto alla nostra comunità in cui il benessere deve essere di tutti e per tutti, soprattutto a riguardo delle categorie più fragili quali i minori”.

Una comunità si può chiamare e definire tale solo se si impegna ad averne cura: ognuno è chiamato ad esserci con le proprie competenze, risorse e tempo. Mettersi a disposizione vuol dire fare parte, sentirsi parte, prendersi cura. Nel Comune di Borgoricco sono presenti istituzioni, associazioni e privati che fanno in modo che questo Patto territoriale di comunità dia benessere in condivisione e in relazione a tutti i cittadini”.

Il Patto è un impegno sociale che coinvolge l’intera collettività e tutte le agenzie educative che operano all’interno della comunità, dal Comune alla scuola, dai cittadini alle associazioni passando per il mondo del volontariato. Un patto ricco di finalità educative e socio assistenziali, con lo scopo di formalizzare collaborazione e iniziative per la presa in carico delle famiglie in difficoltà. Il ruolo dell’amministrazione è quello di garantire la governance amministrativa del tavolo di lavoro che sarà attivato almeno due volte l’anno: una in primavera per fare il punto della situazione e una seconda verso fine anno per il monitoraggio complessivo (sia rispetto al livello di partecipazione al Tavolo di lavoro, sia rispetto alle situazioni affrontate e ai progetti di intervento attivati).

Al Comune spetta anche il ruolo di monitoraggio e di valutazione sui casi affrontati. L’adesione al Patto di comunità va formalizzata con la sottoscrizione dello stesso e dura un anno. Inoltre è compito di ogni soggetto aderente al Patto promuovere nel territorio la presenza del Patto di Comunità come strumento di lavoro sia verso altri possibili aderenti che verso la cittadinanza.

Lorena Levorato

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento