Home Veneziano Miranese Nord Cavarzere: il Premio Venezia si “sposta”al Tullio Serafin

Cavarzere: il Premio Venezia si “sposta”al Tullio Serafin

Il prestigioso premio musicale, per giovani promettenti pianisti, che si svolge al Gran Teatro La Fenice avrà una sua trasferta nella città di Cavarzere: il vincitore Gabriele Strata infatti si esibirà al Teatro Comunale cittadino

Il Premio Venezia “esce” dal Gran Teatro La Fenice e si “sposta” nella provincia veneziana. Almeno una parte di esso, ed esattamente il vincitore della XXXV edizione che si è svolta lo scorso 6 dicembre. Infatti, grazie all’interessamento della pianista Stefania Masiero e al prezioso contributo dell’assessorato alla Cultura del Comune interessato, il padovano Gabriele Strata suonerà per il pubblico di Cavarzere presso il Teatro comunale Tullio Serafin. Si tratta di un evento prestigioso per la città che diede i natali al grande maestro di musica Tullio Serafin, cui è stato intitolato il teatro cittadino.

Il Premio Venezia infatti è ormai uno dei punti di riferimento per i giovani pianisti del panorama italiano; e grazie a un numero di partecipanti in costante crescita, insieme alla riconosciuta qualità delle esecuzioni, che si attesta in generale a livelli altissimi, rafforza di anno in anno il suo prestigio. Questa sua centralità, consolidatasi nel tempo, nasce in gran parte dalla formula adottata dalla Fondazione Amici della Fenice che , guidata dalla sua infaticabile presidente Barbara di Valmarana, riserva il concorso unicamente ai migliori diplomati a livello nazionale, rivolgendosi dunque a ragazzi che affrontano per la prima volta la difficile carriera concertistica.

Come dichiarato dalla presidente della giuria, nel corso della cerimonia di premiazione, il premio si è rivelato nel tempo un trampolino di lancio per questi giovanissimi e ciò risulta ampiamente dimostrato dai brillanti risultati ottenuti sulla scena internazionale da pianisti, diventati oramai importanti, come Beatrice Rana, Alessandro Taverna, Elena Nefedova e molti altri. Lo scorso 6 dicembre, sul palcoscenico del Gran Teatro La Fenice si sono confrontati i due finalisti Giorgio Trione Bartoli, classe 1996, e Gabriele Strata, classe 1999, entrambi diplomatisi a pieni voti con lode e menzione d’onore rispettivamente presso il conservatorio Niccolò Piccinni di Bari e il Conservatorio Arrigo Pedrollo di Vicenza.

Le loro esibizioni, su brani di Prokof’ev e Chopin, si sono rivelate intense e coinvolgenti sia sul piano tecnico che emotivo e si sono concluse con gli scroscianti applausi di un pubblico attento e musicalmente preparato qual è quello del Premio Venezia. Non è stato semplice per la giuria prendere una decisione definitiva, considerato il valore di entrambi i giovani pianisti. Infine la brillante prova del padovano Gabriele Strata si è rivelata vincente. E sarà lui a suonare per la città di Cavarzere, per il pubblico del Teatro Serafin nell’attesissimo concerto che Stefania Masiero sta organizzando, con grande soddisfazione per la Città dell’entroterra veneziano.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette