Conselve: odore nauseabondo e polvere nera decine di segnalazioni dai residenti

Il sindaco potrebbe chiedere una indagine pidemiologica da parte ell’Università

Inizia a coinvolgere le istituzioni la questione della polvere e degli odori che da mesi sta tenendo banco a Conselve, tra le proteste di decine di residenti nella parte settentrionale del paese e gli incontri che si susseguono in queste settimane. Il caso è tornato anche in Prefettura su iniziativa del rappresentante del Governo, Renato Franceschelli, che ha riconvocato le parti interessate. “Oltre a fare il punto sugli accertamenti degli ultimi mesi l’incontro ha permesso di individuare un metodo di lavoro – afferma la Prefettura – sviluppatosi nel tavolo tecnico convocato dalla Provincia. In quella sede, muovendo dall’esame delle autorizzazioni amministrative in essere e dallo stato di attuazione dei progetti di riqualificazione ambientale, verranno cercate tutte le soluzioni tecniche idonee ad attenuare il problema dell’emissione di odori molesti presente sul territorio”.

La Prefettura sottolinea infine di aver raccolto, su questo percorso “il pieno consenso di tutti i partecipanti oltre che la più ampia disponibilità della azienda nella ricerca di soluzioni idonee al superamento del problema”. La settimana successiva infatti la Provincia ha messo i tecnici intorno allo stesso tavolo. All’incontro hanno partecipato, oltre ai tecnici della Provincia di Padova, due tecnici incaricati dal Comune di Conselve insieme ad Arpav, Ulss e alla ditta.

“La riunione – spiegano dalla Provincia – è servita a definire i criteri di lavoro che produrranno le indicazioni tecniche e operative per il superamento dei disagi segnalati. A tal fine, è stata chiesta la necessaria documentazione alla ditta. Per fugare ulteriormente le preoccupazioni dei cittadini, è stato inoltre indicato al sindaco, quale autorità sanitaria locale, l’opportunità di richiedere all’Università di Padova una giornata di indagine epidemiologica sul territorio.

La prossima riunione è fissata l’11 aprile”. Secondo Andrea Zanetti, presidente della commissione consiliare, “Siamo al primo passo e la strada da compiere penso sia difficile, mi auguro quindi che il lavoro sia proficuo e vi sia spazio anche per il contributo anche della Commissione. Sono convinto che per fissare dei criteri di lavori fosse stato necessario un incontro anche con la parte politicoamministrativa del Comune di Conselve, in questo caso la Commissione Ambiente, altrimenti mi vien da pensare che se il problema è solo tecnico poteva essere ripreso già da tempo dagli Uffici interessati”. Intanto I residenti non si danno per vinti e rilanciano l’urgenza di trovare una soluzione ai disagi patiti in tutta la zona.

Per questo a decine hanno scelto di rivolgersi direttamente alle istituzioni, inviando numerose mail per descrivere i problemi vissuti quotidianamente. “Ci dicono che non ci sono pericoli per la salute ma nessuno ci ha comunicato cosa respiriamo. L’unico fatto certo è lo sforamento dei limiti di emissione delle polveri, stiamo ancora aspettando notizie sulle ultime misurazioni”.

Nicola Stievano

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento