Delta calcio: Nicholas vola in Florida per studiare

Da aprile partirà per il college di Palm beach. Un sogno che si avvera, e gli obiettivi sono chiari: laurearsi in Economia e continuare a giocare a calcio

Questa volta sarà difficile per Robert Oberrauch, papà di Nicholas, terzino sinistro classe ’99 del Delta, fino a domenica scorsa, seguire il figlio.

Sì, perché Robert, 53enne imprenditore di Bolzano, un campione di hockey su ghiaccio (8 scudetti con l’hockey club Bolzano, capitano della nazionale con la quale partecipò ai giochi olimpici invernali ad Albertville, Lillehammer e a quelli del ‘98 a Nagano), e da sette anni presidente della Virtus Bolzano, formazione di serie D, e con un vivaio di quasi quattrocento tesserati, da quando il figlio quest’estate seguì Zattarin da Lentigione a Porto Tolle, non si è mai perso una partita.

Nemmeno le amichevoli. Sia in casa che in trasferta. “Non c’è una motivazione particolare su ciò, semplicemente amo mio figlio” dice papà Robert. Ora, Nicholas ha rescisso il contratto con i biancazzurri per aprire una nuova pagina della sua, giovane vita calcistica. Che già gli ha riservato delle belle soddisfazioni, con la partecipazione lo scorso anno, con la maglia del Parma, al torneo di Viareggio. La parentesi deltina si è chiusa a Belluno, il 20 gennaio, terza di ritorno. Quando il giovane terzino, 12 presenze con la maglia biancazzurra, ultimamente poco utilizzato dal tecnico Zattarin, ha salutato tutti, compagni, società e tifosi. Andrà, grazie ad una borsa di studio, al college di Palm beach, in Florida, che gli consentirà di studiare per conseguire la laurea in Economia e anche continuare nella sua grande passione che è quella del calcio.

“Gli obiettivi – dice Nicholas – sono due: la laurea e, visto che sarò in America, giocare nella Major League soccer”. E le potenzialità, per il giovane Nicholas, ci sono tutte.

Cosa ti lascia l’esperienza di Porto Tolle? “L’amicizia e il bel rapporto che si era creato con i miei compagni di squadra, con i quali, soprattutto quelli giovani, c’è stato un gran feeling.” All’inizio giocava di più, ultimamente, il campo lo vedeva poco. “Ma ho sempre dato il massimo, impegnandomi e mettendomi sempre a disposizione del tecnico.”

Il Delta, sta attraversando un gran momento di forma: da dopo Este, molti i cambiamenti. “Direi che c’è stata una maturazione maggiore da parte di tutta la squadra. Il Delta aveva e ha una rosa importante, con giocatori forti in tutti i reparti. La classifica ora è positiva, per la gioia anche dei tifosi, che ci sono sempre stati vicino e che ringrazio per il saluto di domenica a Belluno”. La partenza per la Florida, avverrà in aprile: prima Nicholas, dovrà studiare alla perfezione l’inglese, per prepararsi ai due esami di ammissioni al college.

Cristiano Aggio

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento