Il fumettista Giorgio Cavazzano, testimonial dell’Avis di Mirano

L’Avis comunale di Mirano compie 50 anni e per l’occasione il noto fumettista Disney Giorgio Cavazzano ha realizzato un logo personalizzato per sottolineare come un gesto altruistico possa rendere supereroi. Protagonista del logo celebrativo è un atletico papero con mantello, descritto con linee plastiche davanti al numero 50 e al simbolo del cuore.

Il maestro miranese ha disegnato l’originale in bianco e nero perché i ragazzi delle scuole possano essere coinvolti a interpretarlo con la loro espressività cromatica. La presentazione del disegno è avvenuta in municipio a Mirano alla presenza del presidente dell’Avis di Mirano Giuliano Casotto, di Giorgio Cavazzano, dei sindaci di Mirano Maria Rosa Pavanello e di Santa Maria di Sala Nicola Fragomeni, dei presidenti Avis Provinciale Tito Livio Peressutti e Avis Regionale Veneto Giorgio Brunello. Presenti inoltre Laura Zanardo e gli ex presidenti Beniamino Nifini e Fabio Gai.

L’occasione ha dato l’opportunità di nominare un emozionato Cavazzano quale socio onorario di Avis per aver messo a disposizione con generosità e continuità la sua opera: il cartoonist ha infatti collaborato per disegnare vari materiali divulgativi e ha realizzato la litografia per il 25esimo anniversario della sezione comunale. Inoltre è stato fatto il punto sulla situazione delle donazioni e sulle iniziative in programma. Dagli iniziali 25 soci e 47 donazioni del 1969, anno di fondazione dell’associazione, con la guida dell’allora presidente Giorgio Campagnaro, si è passati nel corso degli anni ad oltre 1500 soci con quasi 3000 donazioni all’anno.

Dalla fondazione ad oggi molte cose sono cambiate, dall’estensione territoriale in cui l’Avis opera (la Comunale agisce nei comuni di Mirano e Santa Maria di Sala), alle donazioni (nelle quantità e modalità) al modo di fare associazione, con leggi sempre più stringenti. Nonostante le continue sfide da affrontare, la passione per promuovere la donazione del sangue (e i valori della solidarietà, partecipazione sociale e tutela del diritto alla salute) è la stessa che contraddistingueva i fondatori. L’anno del cinquantesimo impegnerà l’Avis su molteplici fronti, nelle scuole (coinvolti quest’anno 260 ragazzi della cittadella scolastica di via Matteotti) e nella manifestazioni sportive e culturali.

Filippo De Gaspari

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento