Noventa Padovana: spopola il “Baskin”, 40 già in squadra

La nuova disciplina sportiva permette di far giocare insieme persone normodotate e disabili. Si allenano ogni sabato pomeriggio nella palestra comunale a Noventa, seguiti da tre allenatori e un team di collaboratori

Baskin Noventa Padovana contro Baskin Padova, non importa chi ha vinto. Importa invece “cogliere il luminoso valore delle persone portatrici di diversità profonde”, dalle parole di Federico De Rosa, lo scrittore autistico ospite della rassegna “Fare Rete per educare” promossa dal Comune. E nella palestra del Villaggio Sant’Antonio erano veramente tante le famiglie che hanno applaudito i giocatori in campo per sensibilizzare sul tema dell’inclusione, con la collaborazione della cooperativa sociale Progetto Insieme, responsabile Giovanna Carraro, e dell’associazione sportiva Pallacanestro Noventa, referente Gabriella Toller.

Il baskin, basket inclusione, è una forma di pallacanestro che permette di far giocare insieme persone normodotate e persone con disabilità, ne beneficiano tutti perché ciascuno partecipa a seconda delle proprie capacità, mentre nasce un nuovo modo di mettersi in relazione che supera le barriere dovute alla diversità. Al fischio d’inizio, presenti il sindaco Alessandro Bisato, il vicesindaco Borina, e l’assessore alle Politiche Scolastiche Sofia Tisato che ha letto il messaggio di Federico De Rosa.

Romano, 25 anni, comunica scrivendo al computer ed è stato protagonista di un partecipato incontro all’Auditorium Santini insieme al padre Oreste che lo accompagna in giro per l’Italia: “Vi chiedo per favore di credere nelle capacità nascoste dei miei fratelli autistici. Non li abbandonate al loro isolamento”. Già autore di due libri, l’ultimo narra di un’isola “diversamente felice” nella quale la maggioranza della popolazione è autistica. Come isola felice è anche Noventa per l’integrazione delle persone con disabilità: la squadra di baskin cresce infatti a vista d’occhio, già una quarantina i giocatori che ogni sabato pomeriggio partecipano agli allenamenti nella palestra comunale, seguiti dagli allenatori Monica Faccini, Massimo Destro e Mauro Burattin con il supporto di un team di collaboratori.

“A Noventa arrivano ragazzi anche dai comuni vicini, Vigonza, Stra, Padova – spiega Monica Faccini – il più piccolo, la nostra mascotte, è Matteo, 11 anni, che gioca insieme al papà”. Conclude Oreste De Rosa: “il Baskin mostra come dovrebbe essere la società perfetta. Le regole adattate alle capacità di ciascuno permettono a tutti di dare il massimo, senza pietismo”.

Elena Callegaro

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento