Home Padovano Camposampierese Est Piombino Dese: un nuovo automezzo per la Fondazione Betulla

Piombino Dese: un nuovo automezzo per la Fondazione Betulla

Il mezzo di trasporto è stato assegnato dall’assessore regionale Marcato che ha ringraziato il grande lavoro svolto da operatori e volontari per la struttura

Grazie a un contributo della Regione le dotazioni della Fondazione Betulla Alta Padovana onlus di Piombino Dese sono state, di recente, incrementate con l’arrivo di un automezzo per il trasporto e l’accompagnamento di persone disabili, anziane o affette da difficoltà motorie e non autosufficienti. A segnalarlo l’assessore regionale Roberto Marcato, che vive a Piombino Dese e conosce da sempre le attività svolte al Centro che si trova nella frazione di Torreselle e nato grazie alla tenacia di Lia Polo, lei stessa madre di un disabile, dell’Anfass. Il finanziamento, come spiega lo stesso Marcato, è stato concesso dalla giunta veneta per il mezzo di trasporto destinato a sostenere, in particolare, l’attività del Centro Diurno Betulla, servizio che dal 1990 si occupa di persone con disabilità.

“È un ulteriore segno – evidenzia Marcato – della grande attenzione che la Regione ha per le strutture che si occupano di persone in difficoltà. Nello specifico, voglio esprimere tutto il mio apprezzamento per il lodevole lavoro svolto dalle operatrici, dagli operatori e dai volontari che prestano opera nel Centro Betulla. Con un plauso alla mia collega di giunta, l’assessore al Sociale Manuela Lanzarin, per l’attenzione con cui segue il settore di sua competenza”.

Il centro diurno “Betulla” è un servizio territoriale rivolto a persone con disabilità e con diversi profili di autosufficienza, a partire dall’età post-scolare, lungo le fasi dell’età adulta, fatta eccezione per alcuni utenti in età scolare che, per le caratteristiche di estrema gravità, non possono accedere al servizio di integrazione scolastica. Il valore a cui si ispira ciascuno dei servizi offerti in è quello della persona, nella sua centralità, con tutti i diritti universali dell’uomo. In quest’ottica, come spiegano i responsabili, la relazione di aiuto si costruisce nell’accoglienza, nel rispetto dell’individualità, nella convergenza di interessi solidali. I servizi alla persona sono volti ad una funzione educativa e riabilitativa per il benessere e per la dignità nel contesto parentale e comunitario in cui essa è inserita.

Nicoletta Masetto

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Seguici anche su

6,290FansLike
276FollowersFollow
3SubscribersSubscribe