Porto Viro: Via Argine Po, scatta il divieto per i mezzi pesanti

Dopo le lamentele dei residenti arriva l’ordinanza

I mezzi superiori alle 7,5 tonnellate non potranno più percorrere via Argine Po. L’annuncio è del sidnaco di Porto Viro Maura Veronese, che fa sapere di avere emesso un’ordinanza. A seguito delle proteste dei residenti, che hanno sottoscritto anche una petizione per chiedere di intervenire a tutela della sicurezza, e dell’interpellanza della minoranza, “l’amministrazione ha attivato tempestivamente la polizia locale incaricando di effettuare un monitoraggio del transito dei mezzi pesanti nel tratto viario di riferimento al fine di valutarne l’effettiva consistenza e le conseguenti azioni da adottare”.

Dai controlli, svoltisi tra settembre e ottobre “compatibilmente con la disponibilità del personale ed avendo cura di variare giorni e orari”, è emerso che “il manto stradale presenta già notevoli imperfezioni le quali causano il “sobbalzo” dei rimorchi degli autoarticolati provocando dei rumori assordanti, tali da rendere suscettibile la quiete dei residenti specialmente nelle ore notturne”.

Ecco dunque scattata l’ordinanza, con “una limitazione del transito per i veicoli superiori a 7,5 tonnellate, analogamente a quanto già disciplinato sull’arteria viaria presente sul lato nord ovest (via Mantovana, via Argine Spini, via Dosso). Prendendo infine atto che l’accesso dei mezzi pesanti risulta già vietato come si evince dalla segnaletica esistente lungo le sp 80 e sp41, lungo la sommità arginale del Po di Venezia che dai comuni di Adria e Loreo conducono a Porto Viro, si precisa che l’ordinanza si limiterà a estendere tale divieto per i veicoli provenienti da sud est ossia dalla sp 37 (direzione Ca’ Cappellino) e da via Carrer”.

G. G.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento