Raccolta differenziata: Mira e S. Maria di Sala tra i comuni più virtuosi

Fossalta di Piave è il comune che differenzia di più, con l’86, 62 per cento. La raccolta differenziata è comunque cresciuta in tutto il territorio. La media è del 66,52 per cento. Chioggia con il 62,66 per cento è sotto la media provinciale

Marciano con passo diverso ma tutti nella stessa direzione i Comuni del Veneziano, verso una significativa crescita. Sotto la lente d’ingrandimento i dati relativi alla raccolta differenziata nel 2018. Da quanto emerge dall’osservatorio di Veritas, dunque, è Fossalta di Piave il comune che si aggiudica la corona di regina della della raccolta differenziata con l’86,62 per cento di rifiuti e materiali raccolti e smaltiti in maniera separata e riciclati. Fanno bene anche Mira (in Riviera del Brenta) e Santa Maria di Sala (nel Miranese) che rispettivamente con l’80,43 per cento e l’80,40 per cento si posizionano fra i comuni più virtuosi, dietro a Ceggia (86,93 per cento), San Donà di Piave (82,86 per cento) e Meolo (81,32 per cento).

La raccoltà differenziata, comunque, è cresciuta in tutto il territorio veneziano, nei 34 comuni laddove Veritas gestisce il servizio. Da Venezia (il comune più grande) a Cona (il più piccolo) il trend è positivo. La media è infatti passata dal 65,74 per cento del 2017 al 66,52 per cento del 2018, con una progressione che negli ultimi 5 anni ha visto la differenziata aumentare di 10 punti. Molto buona nel complesso la percentuale di raccolta differenziata nei comuni della Riviera del Brenta, con Campagna Lupia che fa registrare il 77,56 per cento, Campolongo Maggiore e Camponogara, entrambi con il 77,65 per cento, Fiesso D’Artico con il 74,30 per cento, Fossò con il 77,56 per cento, Stra con il 74,03 per cento, Pianiga con 74,59 per cento, Vigonovo con il 65,34 per cento e Dolo con il 66,59 per cento.

Analoghi i risultati ottenuti anche nei comuni del Miranese, ben al di sopra della media provinciale. Martellago ha differenziato il 78,44 per cento dei rifiuti, Mirano il 74,78, Noale il 77,60 per cento, Salzano il 73,93, Spinea il 78,45 per cento e Scorzè il 77,66 per cento. Risultati un po’ più contraddittori nell’area del basso Veneziano dove si distingue il piccolo comune di Cona che fa registrare un buon 78,27 per cento di rifiuto differenziato. A seguire Cavarzere con il 71,45 per cento e infine un po’ distaccata e sotto la media della provincia il Comune di Chioggia che, comunque, migliora il suo trend fino a raggiungere il 62,66 per cento.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento