Home Rodigino Rovigo: cronaca della caduta di un sindaco

Rovigo: cronaca della caduta di un sindaco

Di fronte ai “Non mi dimetto” di Massimo Bergamin i consiglieri hanno deciso di andare dal notaio

Ci eravamo lasciati lo scorso mese con una giunta azzerata e un sindaco, Massimo Bergamin, in bilico. Una situazione durata giorni, con Bergamin che ha provato ad andare avanti con la propria esperienza amministrativa, perando di riuscire ad arrivare a fine mandato nel 2020. Come un ritornello, ha ripetuto: “Non mi dimetto”.

E non ha mollato. Così ci ha pensato il consiglio comunale a dare una svolta alla vicenda. L’impasse è finita la sera dell’11 febbraio. L’amministrazione di Massimo Bergamin è stata mandata a casa da 22 consiglieri comunali: maggioranza e minoranza si sono trovate d’accordo sul fatto che così non si poteva andare avanti.

Anche la maggior oarte del gruppo della Lega, contravvenendo al regolamento che impedisce di mandare a casa un proprio amministratore, si è dimessa (cfr. intervista a p7). In un clima di silenzio surreale, Bergamin si è visto così costretto a togliere la fascia di sindaco. Nessuna dichiarazione, nessun commento. Ora a Palazzo Nodari, fino alle elezioni che si svolgeranno il 26 maggio contemporaneamente alle elezioni Europee, si è insediato un commissario, incaricato di trainare la città fino alla nomia del nuovo primo cittadino.

“Si informa che con decreto del Presidente della Repubblica del 23 febbraio, è stato sciolto il consiglio comunale di Rovigo – fa sapere il Comune in una nota. Nicola Izzo è stato nominato commissario straordinario per la provvisoria gestione dell’ente fino all’insediamento degli organi ordinari. Al Commissario sono conferiti i poteri spettanti al Consiglio comunale, alla giunta e al sindaco. E’ stato inoltre nominato sub-commissario del Comune di Rovigo, Luigi Armogida, vice Prefetto in quiescenza. Dopo pochi giorni, il 28 febbraio, è stato nominato sub commissario con funzioni vicarie del Comune di Rovigo, il vice Prefetto Antonello Roccoberton.

G. G.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette