Villanova di Camposampiero: Bepi Bassi, sono iniziate le riprese del lungometraggio

Giuseppe Bassi, oggi centenario, offre uno squarcio autentico e drammatico come reduce della Campagna di Russia

Ciak, si gira! Sono ufficialmente cominciate in Friuli, al Santuario e Museo di Cargnacco, Pozzuolo del Friuli, in provincia di Udine, e continueranno in Veneto tra il padovano e il veneziano, le riprese del documentario dal titolo “Bassil’ora – Storia di prigionia dalle gelide terre russe”: un intenso racconto, fra documentario e animazione, che attraverso la vicenda di Giuseppe Bassi, reduce dall’orrore della Campagna di Russia, offre uno squarcio su un momento realmente buio della storia.

Al suo fianco, in questa narrazione ricca di immagini, fotografie e parole, la figura di una donna, interpretata dall’attrice Karina Arutyunyan. Il lungometraggio è prodotto dalla veneta Emera Film con il contributo di Kioene e con il patrocinio del Comune di Villanova di Camposampiero, di Unirr – Unione nazionale italiana reduci di Russia e del Comune di Pozzuolo del Friuli (Ud). Il documentario si concentra sulla storia di Giuseppe Bassi, un arzillo centenario di Villanova che ha combattuto la Seconda Guerra Mondiale sul fronte sovietico: uno dei pochi sopravvissuti della Campagna italiana di Russia.

Catturato dai Sovietici nel ’42, imprigionato nei campi di concentramento di Tambov, Oranki e Suzdal, Bassi è rientrato in Italia un anno e mezzo dopo la fine della guerra. Il secondo personaggio è invece rappresentato da Karina, donna di origini russe che abita a Mestre nel veneziano che proprio grazie ai suoi ricordi, ci riporterà al giorno in cui ha conosciuto Giuseppe Bassi.

Una donna che con la guerra ha avuto poco a che fare, che ha un vissuto completamente diverso, ma che proviene proprio da quel paese in cui Giuseppe ha vissuto tanta sofferenza. Oggi Giuseppe Bassi ha 100 anni, una mente lucida, ricordi nitidi e spirito intenso. Grazie alla testimonianza di Bassi la generazione del secolo scorso può ancora incrociare lo sguardo delle generazioni contemporanee.

Lorena Levorato

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento