Zero Branco: tangenziale noalese, necessità per Feston

Il progetto per la tangenziale sulla Noalese, che libera il centro di Zero Branco dal traffico, finisce in mezzo alle polemiche.

Per il sindaco uscente Mirco Feston è una necessità assoluta. Innanzitutto per una questione di sicurezza.

Il primo cittadino ha lanciato un appello attraverso le osservazioni al master plan per lo sviluppo dell’attività dell’aeroporto Canova, allo studio della commissione nazionale Via, che Zero Branco ha recapitato anche alla Regione, al gestore del Passante, Cav spa, alla direzione del compartimento veneto dell’Anas e a Veneto Strade. “Sulla Noalese transitano 16.500 veicoli al giorno, su un’unica corsia per direzione di marcia, senza banchina e alta anche due metri sul piano campagna, con scarpate ripide e profonde – ha messo nero su bianco il sindaco – si evidenzia l’estrema pericolosità e l’assoluta necessità della tangenziale nord-ovest e di una pista ciclabile, dato l’ormai impossibile transito in bicicletta”. Se non si correrà ai ripari in fretta, per Feston la situazione è destinata irrimediabilmente a peggiorare a causa dell’apertura di nuovi centri commerciali e dell’aumento dell’attività dello stesso aeroportaule. L’uscita del primo cittadino, però, ha sorpreso il centrodestra, a cominciare da Forza Italia: “Adesso il sindaco si dice favorevole ma fino a poco tempo fa aveva appoggiato i comitati dicendo che la tangenziale non era necessaria – punge Renato Toppan, commissario della sezione locale degli azzurri – evidentemente ha cambiato idea. Ma non può passare per quello che si è battuto per realizzare il collegamento stradale”.

“C’era la possibilità di costruirlo in passato nel contesto delle opere complementari del Passante – conclude Toppan – si parlava di circa 13 milioni. Ma cavalcando l’onda di chi era contrario è stato perso tutto. Ora Feston ritiene l’opera indispensabile. Meglio tardi che mai”.

Mauro Favaro

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento