Ancora in attesa dei finanziamenti: fermo il progetto sulla scuola media di Istrana

La progettualità e la costruzione dell’istituto e del relativo parcheggio sono ancora in standby in attesa dei soldi dei mutui Bei

“La scuola media è la nostra priorità”. Non hanno alcuna remore il primo cittadino di Istrana, Maria Grazia Gasparini e il suo vice Andrea Francescato nel pronunciare queste parole. “L’istituto è stato durante la campagna elettorale uno dei punti sui quali abbiamo creduto maggiormente e oggi è lo stesso – afferma il sindaco – Non abbiamo cambiato idea, la scuola media è sempre al vertice delle nostre priorità. Ci sono strumenti per il finanziamento della scuola e stiamo attendendo le risposte per poi proseguire con la progettualità”.

Tra i finanziamenti c’è il rogito del terreno della casa di riposo per un totale di 1milione e 121mila euro e i mutui Bei per 3milioni di euro. Per quest’ultimi fondi, Istrana è entrata in graduatoria e si trova al 97esimo posto. “Diverse amministrazioni che concorrevano per ottenere il finanziamento mutui Bei si sono ritirate perché sono riuscite a reperire introiti da altre parti – spiega Francescato – Il trend attualmente sembra positivo per noi e ci auspichiamo che si arrivi a una risoluzione in tempi brevi. Solo sei mesi fa, i tempi sembravano essere davvero lunghi, oggi ci sentiamo di essere più positivi”.

E sembra essere proprio la corsa per ottenere il finanziamento dai mutui Bei a non permettere di procedere con i lavori:“Se noi andiamo avanti perdiamo la possibilità di ottenere i mutui Bei – spiega Gasparini –. Se usassimo l’avanzo di bilancio per la scuola, non otterremo più i 3milioni per realizzare il progetto. L’avanzo sarà destinato ad altre opere quali la manutenzione delle strade”. A rallentare il processo ci sono anche gli iter progettuali che il Comune ha affidato alla Regione. “La prima cosa che ti chiedono quando vai a presentare la documentazione per l’approvazione del progetto è se l’opera è finanziata al 100% – spiega il vicesindaco – . Al momento non abbiamo nessuna carta che lo certifica, in quanto siamo in attesa del rogito della casa di riposo e dei mutui Bei”. Ad oggi quindi, sulla struttura è stato fatto solo lo studio di fattibilità il quale prevede un progetto che, oltre all’abbattimento dell’attuale struttura scolastica e al suo rifacimento, vede anche la riqualificazione dell’area. “La scuola media nuova sorgerebbe nella zona dov’è sita quella presente ma in un diverso sedime – spiega Francescato –. Tra via San Pio X e via Cesare Battisti, stando al presente masterplan, verrà costruita la scuola media con la palestra e uno spazio esterno che eventualmente sarà utilizzato come auditorium”.

Un polo scolastico rivoluzionario che prende a modello le strutture d’oltreoceano. “L’idea è quella di creare un campus con un’area pedonale protetta dove gli studenti possono passare in bicicletta o a piedi”, afferma il vicesindaco. La scuola non perderebbe quindi la sua vicinanza alle elementari e all’asilo, permettendo così la continuità del percorso e dando la possibilità di raggiungere le tre strutture a piedi o in bici. Le auto infatti, rimarranno fuori dall’area scolastica e (dove ora si trova la scuola media), sarà costruito un nuovo parcheggio.

Questo richiederebbe un finanziamento di 4milioni e 800mila euro senza la palestra. E sul problema sollevato dall’opposizione inerente alla mancanza di un’aula magna e di spazi d’aggregazione, l’amministrazione sta lavorando a una soluzione:“Ho parlato con il preside, – afferma il sindaco – e condivido la necessità di avere un’aula magna, e ci stiamo lavorando. Per quanto riguarda gli spazi d’aggregazione invece, tra le opzioni, una volta finita la scuola, c’è anche quella di demolire l’ex casa Colusso, la scuola di musica e, dopo il finanziamento dell’auditorium, si potrebbero creare lì degli spazi polifunzionali”. Un’ipotesi questa che contribuirebbe a sanare alcune delle problematiche che, da sempre, i cittadini risentono. “Questo è un progetto che oltre a creare un campus scolastico con area pedonale e nuovi parcheggi – spiega il vicesindaco – riqualificherebbe l’intero centro di Istrana rendendolo più sicuro e ancor più fruibile ai cittadini”. Lucia Russo

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento