Auser Rovigo: per invecchiare bene partiamo dall’Abc

Al via il nuovo progetto di Auser Polesine “ABC – Alimentazione, Benessere, Cultura per l’invecchiamento attivo”, sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo nell’ambito del bando “Invecchiamento Attivo”.

Attraverso un ampio programma di iniziative, “ABC” contribuirà a prevenire l’isolamento sociale e il decadimento fisico e cognitivo della persona anziana. Le tre linee strategiche su cui alimentari locali. L’esperienza di Auser dimostra che, purtroppo, ciò non corrisponde più al vero.

Buona parte delle problematiche dell’età anziana sono dovute ad una alimentazione non corretta, basata troppo spesso su una logica “da supermercato”. È fondamentale riportare al centro dell’attenzione di anziani e famiglie i prodotti locali, sani e controllati, il ciclo delle stagioni e le tradizioni culinarie polesane”. Auser inoltre si concentra anpunta il progetto sono: una sana e corretta alimentazione, l’attività fisica e la promozione di una nuova cultura del corpo, e infine l’apprendimento permanente, stimolazione culturale e superamento del digital divide.

ABC mira a promuovere il rapporto tra la persona e il territorio polesano – spiega Marinella Mantovani, presidente di Auser Polesine –. Intendiamo valorizzare le eccellenze agroalimentari locali, le particolarità ambientali e naturalistiche e il patrimonio storico-culturale della terra tra i due fiumi. Tutte le attività fisiche previste dal progetto – contina la Mantovani – saranno realizzate all’aperto, lungo il corso dei fiumi, sulle spiagge del Delta del Po, nei parchi pubblici.

La stimolazione cognitiva e culturale verrà realizzata all’interno delle principali realtà museali polesane, con visite guidate e laboratori che metteranno in luce l’enorme patrimonio storico-artistico della provincia di Rovigo”. “Molto spesso – prosegue la presidente – si crede che le persone anziane siano maggiormente legate alla “terra” e alle tradizioni che sull’alfabetizzazione digitale, poiché, oltre a incentivare l’inclusione sociale e culturale, l’uso delle nuove tecnologie migliorano le capacità cognitive e mnemoniche degli anziani, riducendo gli impatti del declino cognitivo che può colpire questa fascia di età.

Gaia Ferrarese

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento