Home Veneziano Cavarzere Cavarzere: l’Avis, rinnova il regolamento, per stimolare più partecipazione

Cavarzere: l’Avis, rinnova il regolamento, per stimolare più partecipazione

Lo scorso 24 febbraio il direttivo si è riunito per discutere di alcune modifiche. Buoni i risultati di Cavarzere-Cona ma serve il coinvolgimento dei giovani

Domenica 24 febbraio si è tenuta la convocazione dell’Assemblea Ordinaria dei Soci Avis di Cavarzere-Cona presso la Sala Convegni di Palazzo Danielato a Cavarzere. I rappresentanti dell’Assemblea erano il Presidente Avis Cavarzere Pako Massaro, l’assessore alle Politiche sociali del Comune di Cavarzere Heidi Crocco, il vicesindaco del Comune di Cona Fabio Fontolan, Giuseppe Polo della Provinciale, la presidente del collegio dei revisori dei conti Ilaria Pavanello, e Mario Frazzetto, amministratore economico dell’organizzazione.

L’assemblea è stata indetta al fine di apportare nuove modifiche di legge, introdotte, a livello nazionale, con il nuovo decreto e la normativa sul terzo settore, in modo tale che lo statuto sia ancora valido. “Le modifiche – informa Massaro – non sono sostanziali, ma piuttosto sono degli aggiornamenti per essere in linea con la normativa vigente: è mutata la nomenclatura, da associazione di volontariato precedentemente Onlus, Avis è diventata oggi una vera e propria organizzazione, quindi Odv; inoltre, a causa di una mancata partecipazione per incentivare le presenze degli associati, anche se in modo indiretto, dalle prossime assemblee sarà possibile avvalersi di una votazione per corrispondenza. Altra modifica importante è il potere di delega estesosi fino a tre deleghe per ogni socio e una differenziazione di bilancio per le Avis più importanti”.

“Dispiace vedere una scarsa partecipazione, – ha affermato Polo – ma, nonostante ciò, voglio ricordare che c’è spazio per tutti, soprattutto per i più giovani”. “Quest’anno – riporta il presidente – le donazioni sono state 1826 con ben 12 aperture domenicali, primi a livello regionale. Siamo molto soddisfatti dei risultati ottenuti, anche grazie alla collaborazione con l’associazione calcio di Cavarzere e di Pegolotte, speranzosi di ottenere sempre di più, con lo scopo di donare e salvare molte vite.

Per ottenere maggior riscontro ci siamo presi l’impegno di ammodernare le nostre strutture e i nostri strumenti in modo tale da attirare un numero considerevole di donatori, dei quali risentiamo notevole mancanza”. L’Organizzazione Avis oggi tenta quindi di “gettare il seme” in particolare nelle scuole, mirando al coinvolgimento degli adolescenti, sollecitandoli e sensibilizzandoli con numerosi progetti e attività sociali a diventare dei donatori, non solo di sangue ma di vita e di solidarietà.

Samuele Contiero

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette