Più verdure nelle mense scolastiche, il Comune di Martellago punta sull’educazione

Più alimenti di origine vegetale e meno cibi di origine animale nelle mense scolastiche

Il Comune punta sull’educazione alimentare, in accordo con le linee guida regionali che prevedono di aumentare verdura e legumi. In maggio ci sarà un nuovo incontro formativo con la dietista della ditta Serenissima Ristorazione, che gestisce il servizio, per i genitori che vogliono saperne di più, con tanto di assaggini e dimostrazioni pratiche su come vengono preparati i piatti che giornalmente vengono serviti ai bimbi di materne, primarie e secondarie del territorio.

“In questo modo veniamo incontro agli interrogativi dei genitori – spiega l’assessore alla Pubblica Istruzione, Silva Bernardo – così come abbiamo adeguato il menù per un inserimento più graduale degli alimenti a base vegetale”. Poco graditi infatti ai piccoli erano stati i burger vegetali, o le lenticchie, probabilmente mai contemplate fin’ora nelle proposte tradizionali. Tanto che a fronte di qualche malumore perfino il sindaco Andrea Saccarola insieme all’assessore Luca Faggian e al consigliere Franco Bragato ad inizio anno avevano voluto verificare la qualità del servizio, andando a pranzo insieme ai bambini. “Al primo incontro in febbraio nell’oratorio della parrocchia di Olmo hanno partecipato tantissimi genitori – spiega Bernardo – e in quell’occasione abbiamo aperto la discussione su tutti fronti.

Entro la fine dell’anno scolastico proporremo un altro evento formativo per continuare a seminare, sottolineo l’utilità di questi momenti di condivisione anche perché ci saranno dimostrazioni pratiche di come vengono preparati gli alimenti”. E magari i più interessati potrebbero anche trarne qualche indicazione per i pasti a casa, dai metodi di cottura alla giusta piramide alimentare, all’importanza di saper leggere le etichette. Sottolineato anche il ruolo della colazione, soprattutto perché un adeguato apporto nutritivo aiuta la concentrazione una volta a scuola. Nel frattempo torna ad un anno di distanza, il problema ancora purtroppo irrisolto degli insegnanti diplomati magistrali i cui contratti saranno trasformati a tempo determinato dal 30 giugno prossimo, a rischio a Martellago ce ne sono 8. Genitori e bimbi a sostegno delle maestre hanno appeso magliette e striscioni “solidali” all’esterno dei cancelli dell’istituto Goldoni in via Trento a Martellago.

Per chiudere una colorata curiosità: all’’ingresso della scuola primaria “Giovanni XXIII” di Olmo è apparso l’arcobaleno del rispetto: un’area colorata che delimita lo spazio di sicurezza dei bambini e non deve essere oltrepassato da chi viene a prenderli al momento dell’uscita da scuola. Il progetto, nato in seno al consiglio comunale dei ragazzi di Martellago, è stato possibile grazie anche al gemellaggio ed alla collaborazione con il consiglio comunale dei ragazzi di Arenzano, in provincia di Genova.

Elena Callegaro

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento