Ponte San Nicolò: feste pubbliche e sagre plastic free, basta plastica e imballaggi

Gli organizzatori di eventi dovranno impegnarsi a ridurre il volume dei rifiuti, scegliendo di usare stoviglie riutilizzabili, ovvero piatti, bicchieri e posate in materiale durevole

E’ iniziato ormai a livello mondiale, il “lungo addio” alla plastica usa e getta coinvolge anche il Comune di Ponte San Nicolò, che ha varato con una delibera di giunta una serie di incentivi destinati agli organizzatori di sagre e feste pubbliche o aperte al pubblico, perché eliminino dai loro eventi imballaggi ed oggetti monouso in plastica.

Per poter usufruire dei contributi i gruppi o i singoli organizzatori di eventi dovranno impegnarsi a ridurre il volume dei rifiuti, scegliendo almeno una delle modalità proposte dall’amministrazione comunale: usare stoviglie riutilizzabili, ovvero piatti, bicchieri e posate in materiale durevole; impiegare, quando questo non sia possibile, piatti, bicchieri e posate biodegradabili e compostabili in “mater-bi” (derivato dal mais) o in “pla” (derivato dalla polpa di cellulosa); somministrare cibi e bevande senza imballaggi come bottiglie di plastica, da sostituire con bottiglie di vetro col vuoto a rendere oppure con caraffe. Un ritorno all’antico insomma, ai tempi in cui sulle tavolate delle feste paesane si trovavano soltanto piatti in ceramica, bicchieri di vetro e posate di metallo, del tutto simili a quelle di casa. Anche se probabilmente, per motivi di sicurezza, sarà molto più facile trovare accanto ai piatti le leggere posate di legno.

“Per poter garantire la massima diffusione dei criteri di corretta gestione dei rifiuti, e per coinvolgere i singoli cittadini, è necessario af fiancare alle azioni attuative iniziative di divulgazione per l’intera cittadinanza – spiega l’assessore all’ambiente Luca Gambato nella relazione che accompagna la sua delibera. “Nel nostro territorio le sagre e le feste costituiscono un importante luogo di aggregazione che consente di poter raggiungere una platea numericamente significativa. Infatti, oltre che per la grande affluenza di pubblico, gli eventi organizzati sul territorio sono importanti anche per il copioso numero di addetti alla loro organizzazione, e quindi per il vario target di soggetti cui ci si rivolge nel medesimo luogo. Il fine è quello di favorire l’acquisizione di una coscienza ambientale collettiva”.

La somma stanziata è prelevata dal capitolo del bilancio di previsione relativo ai “contributi per le iniziative in campo ambientale”. L’amministrazione specifica che i contributi verranno assegnati ai soggetti che risultino promotori nel territorio del Comune di almeno un evento con cadenza annuale, e che rispettino in maniera scrupolosa i requisiti igienico-sanitari previsti dalle normative vigenti e anche i criteri di raccolta differenziata dei rifiuti. Chiunque voglia usufruire di questi nuovi incentivi dovrà presentare la domanda all’ufficio competente, compilando un modello predisposto. Le istanze pervenute verranno esaminate da una apposita commissione, che approverà infine la graduatoria delle richieste.

Patrizia Rossetti

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento