Emporio di San Martino a Mira, quasi 500 gli assistiti

Nelle struttura a Mira Porte sono già state rilasciate 125 tessere per un totale di 447 assistiti, che si possono recare il venerdì pomeriggio a fare la spesa

L’Emporio San Martino di Mira Porte, inaugurato lo scorso novembre proprio in occasione della festa di San Martino, ha assistito in questi mesi già quasi 500 persone.

L’Emporio è stato pensato per contrastare la povertà e funziona grazie al contributo delle parrocchie, della Caritas di Mira, del Comune di Mira e della Regione Veneto.

Nelle scorse settimane una commissione consigliare comunale è andata a far visita alla struttura che si trova all’interno della parrocchia di San Marco Evangelista a Mira Porte.

Oltre al direttore del Ponte Solidale, Fabio Schirru, erano presenti l’assessore alle Politiche sociali Chiara Poppi del Comune di Mira e l’assessore al Commercio e alle Attività produttive Vanna Baldan. “Nell’arco di questi pochi mesi – sottolinea Fabio Schirru – sono già state rilasciate 125 tessere per un totale di 447 assistiti che si possono recare il venerdì pomeriggio a fare la spesa. Ringrazio la visita della quarta commissione e mi ritengo soddisfatto di questo rapporto di collaborazione con il Comune e con il territorio che sta portando ai risultati sperati”.

“Questi primi mesi di attività hanno dato risultati più che positivi – dichiara l’assessore Poppi. Sono in corso incontri con gli assistenti sociali per valutare la situazione delle persone iscritte. Vogliamo capire insieme quali possono essere i soggetti che si trovano, in diffcoltà, vanno all’emporio ma con difficoltà si rivolgono ai servizi sociali e viceversa; intercettare le nuove fragilità e supportare quanti prestano servizio nella struttura. Sono stati inseriti con progetti di inclusione attiva delle persone che aiutano nelle pulizie. Il numero di volontari è fortemente aumentato, segno incoraggiante della volontà di aiutare il prossimo e la propria comunità”.

Ma anche le attività commerciali del tessuto economico mirese si sono attivate in questi mesi. “Dopo aver firmato il protocollo con il Comune di Mira – aggiunge l’assessore Vanna Baldan – si sono attivate delle importanti collaborazioni con realtà commerciali che utilizzano generi alimentari. Il riscontro è più che positivo”.

Alessandro Abbadir

Lascia un commento