Home Padovano Padova Nord Qualche ora in carrozzina fra gli ostacoli per i candidati sindaco di...

Qualche ora in carrozzina fra gli ostacoli per i candidati sindaco di Cadoneghe

I candidati sindaco hanno provato come ci si sposta in paese

L ’invito è arrivato via social. A inviarlo Luisa Pavanello, già assessore comunale. Luisa, che si sposta grazie a un motorino elettrico, da tempo ormai chiede a gran voce di poter accedere almeno al municipio.

A raccogliere la “sfida” i sei candidati a sindaco di Cadoneghe (l’uscente Michele Schiavo, Marco Schiesaro, Virginia Garato, Giuseppe La Rosa, Nicola Longo e Roberto Mairo) che, per alcune ore, sono diventati i protagonisti di un viaggio insolito, meglio sarebbe dire di uno slalom speciale, tra le barriere architettoniche di Cadoneghe. Si è trattato di un tour percorso insieme con alcuni disabili.

Per qualche ora si sono invertiti i ruoli: i sei candidati si sono messi nei panni dei disabili, come chiesto da Pavanello, utilizzando la sedia a rotelle per spostarsi e vedere con i propri occhi, toccare con le proprie mani, ma soprattutto gambe, i problemi che ogni giorno deve affrontare chi non può camminare. Difficoltà, ad esempio, nel percorrere un marciapiede, ma anche nel salirci e scendere visto che non ci sono saliscendi per carrozzine; e ancora, nell’accedere agli edifici pubblici: municipio, distretto sanitario, ufficio postale o la banca dove fare un prelievo col bancomat purtroppo inclusi.

I sei candidati sono partiti da piazza della Repubblica, si sono quindi diretti verso le vie Leopardi, Trilussa, Colombo e Gramsci. Da questo “viaggio” ordinario almeno un impegno è arrivato: “Avvieremo insieme una Consulta per la disabilità nella quale discutere dei problemi con tutti i portatori di handicap”, hanno assicurato, tutti d’accordo. Una promessa chenon dovrebbe aver colore e tanto meno vestire casacche di qualsivoglia partito politico.

Nicoletta Masetto

Le più lette