Rovigo: Enrico Miotto, campione nazionale delle olimpiadi nella lingua italiana

Lo studente, frequentante l’Itis di Rovigo, conquista il titolo di campione assoluto nella categoria Senior e ha già chiara la sua futura carriera universitaria

Lo studente più bravo in italiano, si trova in una scuola superiore di Rovigo. Enrico Miotto, frequentante la classe quinta, sezione C, dell’Itis “Ferruccio Viola” di Rovigo, si è infatti laureato campione delle olimpiadi nella lingua italiana.

Il ragazzo padovano è salito sul gradino più alto del podio, alle Olimpiadi di Italiano, svoltesi di recente. Miotto è iscritto all’indirizzo elettrotecnici e ha conquistato il titolo di campione assoluto, nella categoria Senior, che comprende gli studenti del triennio della secondaria di secondo grado.

La premiazione è avvenuta a Torino, a conclusione della fase nazionale, della prestigiosa gara che ha visto confrontarsi, per la sua categoria, 42 studenti provenienti da tutto lo stivale, già affermatisi nelle rispettive fasi regionali e prima ancora nelle fasi d’istituto. Enrico ha 18 anni, abita a Stanghella, e ha già deciso di iscriversi alla facoltà di Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Padova, per poi specializzarsi in robotica, la sua grande passione.

Proprio per la robotica ha scelto di iscriversi all’Itis. Durante gli anni della sua formazione, con la conoscenza tecnica, è cresciuta quella della lingua italiana e della letteratura, che è l’altra sua grande passione, insieme al gioco degli scacci che pratica a livello agonistico. “Sugli istituti tecnici – ha affermato la professoressa Marida Cordo, referente per l’Itis Viola delle gare di Italiano – C’è troppo spesso un pregiudizio, che ci porta ad immaginarli come scuole dove la letteratura o l’approfondimento linguistico sono secondari. Niente di più sbagliato, visto che i risultati che da qualche anno a questa parte i nostri studenti conquistano, smentiscono di fatto questo pensiero”.

Enrico si trovava a Roma con alcuni suoi compagni di classe, per le gare di robotica, quando, raggiunto da una telefonata, è stato convocato a Torino per la fase nazionale delle Olimpiadi di Italiano. Non ci ha pensato nemmeno un secondo a salire sul treno, destinazione Torino. Molto soddisfatto ha mostrato ai suoi compagni di classe, il diploma di campione nazionale e ha ringraziato le sue insegnanti di lettere Leonardi e Callegarin.

Marco Scarazzatti

Lascia un commento