Ruggero Marconato di Loreggia e il suo viaggio nei luoghi dell’anima

Si apre con le meraviglie, e i segreti, della piramide di Cheope che ancora continua a stupire cinquemila anni dopo, per schiudersi, negli ultimi racconti, nell’intimo della vita spirituale di ciascuno.

Un suggestivo viaggio in luoghi, storie, memorie e personali suggestioni in cui ci accompagna,nel suo ultimo libro, Ruggiero Marconato, scrittore di Loreggia, autore di ricerche storiche di racconti. Come quelli, ricchi di spunti, curiosità boschi un silenzio assoluto…. A volte, quando sono in mezzo al bosco, mi fermo ad ascoltare questo silenzio: nessun brivido di vento, nessun uccello che canta, nessun movimento di serpe; solo qualche pigna che cade dagli abeti, il fruscio di un’acqua lontana e il mio respiro.

Non si sentono neppure le automobili che passano giù nella strada della valle, perché il loro rumore è annullato dalla distanza e dalla barriera degli e scoperte, racchiusi in “Storie e memorie, Racconti”, terzo volume dopoil primo nel 2013 e il secondo nel 2016.

“Ho raccolto storie differenti tra loro – afferma Marconato -. Dentro c’è il racconto di alcuni luoghi dell’anima e non solo. Amo da sempre, ad esempio l’Egitto, ma anche la Provenza e ancora le isole della Grecia dove vado ogni anno a settembre. Sembrano tutte uguali e, invece, a guardarle da vicino e a viverle, ognuna ha qualcosa di inconfondibile.Poi c’è il racconto di alcune figure di donne dalle storie intriganti come Lucrezia Borgia che porta il lettore ad esempio a visitare Ferrara, nella parte più remota della città dalle parti di palazzo Shifanoia dove c’è la chiesa del Corpus Domini in cui è custodito il sepolcro fino alla triste, e poco conosciuta, vicenda di Vittoria Accoramboni”. Non manca, poi, un angolo di montagna, la Val Fiorentina (Belluno), che Marconato conosce bene. In particolare l’Andria, a Santa Fosca.

“Vado spesso a camminare in quel posto- scrive l’autore -, perché trovo in quei alberi del bosco.Mi piace aspettare che il tempo scorra in questa beatitudine silenziosa. Poi muovo i passi sull’erba piano piano, per timore di rompere un ramo e far finire l’incanto del silenzio”.

Nicoletta Masetto

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento