Home Padovano "Futur'io: io e il mio futuro con le stem" il seminario di...

“Futur’io: io e il mio futuro con le stem” il seminario di Enaip Veneto arriva a Padova

All’interno di un progetto regionale di orientamento e formazione, Enaip Veneto ha organizzato per lunedì 24 giugno, a Padova, un seminario per contrastare gli stereotipi di genere sulla presunta scarsa attitudine delle donne rispetto alle discipline scientifiche (Stem).

“Futur’io: io e il mio futuro con le stem” infatti si terrà in Aula Magna della sede regionale di Enaip Veneto a partire dalle 9:30. Ancora oggi infatti resiste lo stereotipo che vede le donne poco propense e “adatte” alle discipline scientifiche: una considerazione che le accompagna da giovani studentesse, fin dalla scelta dei percorsi scolastici dunque, e poi nei luoghi di lavoro. Sono le cosiddette “Stem”, acronimo formato dalle iniziali di Science, Technology, Engineering e Mathematics, nato in ambito accademico, ma ormai di uso comune per indicare appunto l’insieme delle discipline scientifiche.

E proprio contro questo stereotipo di genere – che penalizza non solo le donne, perché preclude loro interessanti opportunità occupazionali, ma anche la crescita sociale ed economica – Enaip Veneto organizza il seminario “Futur’io: io e il mio futuro con le Stem”, in programma a Padova in via A. Da forlì 64/a, zona Arcella. Una giornata che avrà come fuoco specifico quello delle competenze informatiche e digitali, abilità essenziali su cui si basano oggi tutte le professionalità tecnico-scientifiche. Tra gli ospiti, a fianco di esperti del settore, alcuni giovani – donne e non solo – che hanno intrapreso con successo una carriera “tecnologica”.

A dare il via ai lavori Sandra Rainero, esperta di politiche del lavoro di Veneto Lavoro, che spiegherà cosa sono, a cosa servono e qual è l’offerta occupazionale che ruota intorno alle Stem; a seguire, il giovanissimo Davide Dal Maso, social media coach (tra i Top 100 under 30 per Forbes) e fondatore del Social Warning Ethical Movement, parlerà di come la “digital transformation” sta cambiando le competenze necessarie al mercato del lavoro. Nella sessione del pomeriggio, le testimonianze della V-Preneur Marta Basso, cofondatrice di Millennial Warriors, e di Carlotta Vazzoler, consulente strategica in ambito hotellerie, marketing e organizzazione eventi , nonché codelegata per la Fondazione Marisa Bellisario di Venezia.

L’evento è una delle azioni realizzate da Enaip Veneto all’interno del progetto “Segni particolari: Donne, protagoniste della propria crescita personale e professionale”, promosso dalla Regione Veneto e gestito dall’ente di formazione veneto nel territorio padovano per favorire l’inserimento lavorativo e la riqualificazione professionale di un gruppo di 45 donne: 10 di loro sono occupate in aziende del territorio e le altre sono disoccupate o inoccupate, tutte tra i 30 e i 50 anni. Previste, accanto alla formazione, attività di orientamento individuali e di gruppo, interventi di consulenza e mentoring finalizzati a individuare e concretizzare opportunità di inserimento lavorativo, supportare l’autoimprenditorialità e contribuire al miglioramento della carriera professionale di chi già lavora.

Iniziato a gennaio, il progetto si concluderà entro primavera 2020.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news