L’Auser festeggia 20 anni di attività nel territorio di Cavarzere

Dal 1999 l’impegno dell’associazione che si rivolge agli anziani perché ciascuno possa dare e trovare aiuto, compagnia, arricchire le proprie competenze, contribuire alla crescita della propria comunità

Nel 2019 l’Auser di Cavarzere e Cona festeggia i 20 anni della sua costituzione avvenuta nel gennaio 1999 per dare ai cittadini del nostro paese occasioni di protagonismo, partecipazione e pratica della solidarietà. L’Auser è un’associazione di volontariato, nata in Italia nel 1989 per iniziativa della Cgil e del Sindacato dei pensionati SpiCgil. Lavora affinché ogni anziano possa dare e trovare aiuto, incontrare gli altri, arricchire le proprie competenze, contribuire alla crescita della comunità in cui vive. Alla fine degli anni ’90 la popolazione cavarzerana aveva ormai raggiunto una percentuale di ultrasessantacinquenni tra le più alte della regione. Questi anziani si trovavano spesso in difficoltà per carenza di relazioni sociali, mancanza di trasporti pubblici efficienti, impossibilità di raggiungere autonomamente le strutture sanitarie adatte a risolvere i problemi di salute legati all’età.

Per fornire un sostegno concreto a tutti gli anziani, Antonio Degan e Ivo Del Biondo, dirigenti del Sindacato Spi-Cgil, con l’apporto fondamentale di Benilde Sartori e Nerina Finotto, hanno costituito nel febbraio 1999 il Circolo cavarzerano dell’Auser. Altri soci fondatori: Pietro Bassan, Giuseppe Broggio, Rosetta Boscarato, Aldo Chiebao, Sandro Chiebao, Rosario D’Angelo, Iginio De Agostini, Corrado Giudizio, Resy Garbin, Giovanni Mancin, Isaia Pedrina, Marcella Ruzza, Giuseppe Vallese, Vittorio Veronese, Gloria Vigato Dalla fondazione ad oggi, i presidenti dell’Auser sono stati quattro: Giuseppe Broggio, Claudio Arrighi, Aldo Chiebao e Ivo Del Biondo, tutt’ora in carica.

“Aderire a questa organizzazione è stato un modo per vivere più attivamente il valore della solidarietà – così parla del suo impegno nell’Auser il presidente Ivo Del Biondo – con l’obiettivo di contribuire alla promozione sociale della mia comunità di appartenenza”.

“La principale gratificazione in quest’impegno – prosegue – è l’aver toccato con mano la grande umanità delle persone con le quali ho la fortuna di collaborare ogni giorno, che hanno saputo interpretare i valori della solidarietà impegnando tempo, energie e passione in ognuno dei servizi svolti dall’Auser. Anche il rapporto di fiducia che si instaura con le persone che si rivolgono all’Associazione è una soddisfazione costante, che unita al riconoscimento delle istituzioni locali ci stimola a proseguire nella nostra attività con entusiasmo e impegno. Il mio desiderio è che questa realtà possa proseguire, migliorarsi e svilupparsi sempre di più nel tempo, diventando per il nostro paese un punto fermo e un supporto per tutti, in un periodo storico di grandi incertezze, dove le relazioni sociali diventano un sostegno irrinunciabile”.

L’Auser di Cavarzere si è impegnata il questi anni, oltre che nell’accompagnamento delle persone anziane ai luoghi di cura, attività prevalente che impegna attualmente 3 auto e una decina di volontari come autistiaccompagnatori, ha sviluppato negli anni anche numerosi progetti nelle diverse aree di attività: nel settore cultura ha sostenuto attività nelle scuole medie e superiori per trasmettere i valori e le esperienze attraverso il ricordo degli avvenimenti che hanno segnato la storia nazionale e locale dei più anziani con il progetto “La memoria condivisa” ed i percorsi per adulti “Itinerari della memoria”; presentazione di libri e letture di brani con amanti della lettura in gruppo con “Il libro è servito”.

E’ consuetudine organizzare ogni anno visite guidate a mostre e a città d’arte. Notevole importanza riveste l’impegno nella promozione di “Stili di vita sani” con conferenze e l’organizzazione di “Gruppi di cammino”. L’Auser ha l’orgoglio di essere capofila di un coordinamento di Associazioni per la gestione del Centro Sollievo per persone con Alzheimer nell’ambito del Progetto Sollievo Regionale.

 

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento