Mafie: nasce un Centro studi a Dolo

La sede del Centro sarà nelle aule dell’ex Tribunale

Le mafie dal territorio della Riviera del Brenta e del veneziano? Non sono mai scomparse, il centro studi sulla criminalità organizzata che è nato a Dolo sarà un punto di riferimento per tutti i comuni dell’area metropolitana e darà l’allarme controllando se fenomeni pericolosi stanno per sorgere sul territorio.

È emerso a giugno all’incontro “Dalla mala del Brenta alle nuove mafie”, promosso da Affari Puliti e dal Comune di Dolo in villa Concina. Sono intervenuti Francesco Saverio Pavone, Gianfranco Bettin, Antonio Palmosi, ex capo della Squadra mobile di Venezia, Vittorio Rizzi, vicecapo della polizia e Gianni Belloni, dell’Università di Torino.

Rizzi ha ricordato come siano cambiate le modalità di azione della criminalità anche con l’avvento delle tecnologie. Si sono ricordati episosi di infiltrazioni mafiose di Eraclea, mentre non sono mancati appelli ad un’azione congiunta per cercare di fermare un fenomeno che muta pelle, si serve anche di vecchi arnesi della mafia del Brenta ma che in forme diverse è ancora attivo. Il centro studi sarà organizzato a Dolo, nelle stanze dell’ex Tribunale dove troveranno spazio scaffali computer e scrivanie.

Verranno raccolte, sistematizzate e rese fruibili le principali pubblicazioni sul tema della criminalità organizzata. Tra le altre cose troverà posto la più completa raccolta dei materiali prodotti sulla mafia del Brenta, dai fascicoli processuali agli interrogatori dei banditi, dai film ai libri, dai documentari alle tesi di laurea. Uno strumento essenziale per approfondire la conoscenza della “nostra” mafia.

L’altro settore d’intervento del Centro sarà quello dell’inchiesta con un costante monitoraggio dei fenomeni di criminalità offrendo chiavi di lettura dal punto di vista delle evoluzioni storiche che delle sue tendenze attuali. Verranno curati materiali documentali come dossier e rapporti e aggiornato un sito informativo.

Alessandro Abbadir

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento