“Chiederemo una sede del 118 a Limena”

Vice sindaco Turetta, si aspettava questo risultato?

“Sinceramente un risultato inaspettato, ho chiesto più volte se avevano sbagliato i conteggi. Un’emozione unica, sono felice e grata ai miei cittadini che hanno riposto la fiducia sul mio operato e a loro voglio dedicare questo grande risultato. Il mio assessorato non offre la visibilità di cui godono quelli dei miei colleghi, perché si tratta di ridurre le condizioni di bisogno e disagio individuale e familiare derivanti da inadeguatezza di reddito sociale e condizioni di non autonomia; azioni a sostegno delle persone maggiormente in difficoltà, sostegno alle famiglie, anziani, disabili, cercando di garantire la qualità di vivere in modo sereno. Le prestazioni sociali, l’istruzione, la formazione, la cultura la conoscenza e il diritto al lavoro sono diritti che aspettano ad ogni cittadini, come tale devono essere considerati per tutti trovando il necessario riscontro dei corrispettivi doveri ed io ho il dovere di aiutare e dare sostegno ai cittadini in difficoltà e di ascolto a chi viene bussare la mia porta”.

Qual è stato il suo primo pensiero dopo la vostra vittoria?

“Il mio primo pensiero è stato la maggiore responsabilità a cui devo rispondere da oggi in poi per non deludere tutte le persone che mi hanno sostenuto”.

Che significato ha questo ruolo per lei?

“Il sindaco Tonazzo mi ha onorato di essere nuovamente vice sindaco, riponendo la fiducia e la continuità nella condivisione nell’amministrare il nostro paese”.

Sue le deleghe ai Servizi Sociali, al Commercio, Risorse Umane e Sanità. Quali i progetti?

“Sono tutte deleghe importanti, diverse tra loro dove l’attenzione non dovrà mai mancare. I servizi sociali avranno sempre un’attenzione particolare proprio per la delicatezza di questo assessorato. Il Commercio è una sfida, il mio impegno è di iniziare con l’ascolto con le attività per capire le criticità, creare sinergia e collaborazione con l’amministrazione . Le risorse umane ossia i dipendenti comunali si adoperano con impegno affinchè la macchina amministrativa funzioni al meglio, collaborano con professionalità per adempiere i compiti al servizio non solo dell’assessore preposto ma a tutta la cittadinanza. Attualmente siamo sotto organico, a causa di pensionamenti e mancanza capacità di assunzione, dando solo la possibilità di usufruire delle liste mobilità tutto questo sta creando un imbuto e una pressione lavorativa ai nostri dipendenti. Sanità non mancheranno le iniziative volte a promuovere una collaborazione con diversi professionisti, medici di base, specialisti, nel nostro distretto esiste già la realtà di medicina di gruppo composta da 8 medici supportati da 5 infermieri e 7 assistenti di studio che offrono un servizio più vicino al cittadino garantendo la presenza costante di medici. Ora il mio obiettivo è di aprire una sede del 118, Limena e i paesi a noi vicini sono sprovvisti di assistenza di primo soccorso in caso di incidente con un tempo di percorrenza d’arrivo partendo dalla chiamata alla sede di pronto intervento di Padova 12 minuti di attesa per salvare una vita”.

Fanny Xhajanka

Lascia un commento