Home Padovano Bassa Padovana Este: patto fra scuola e aziende del territorio per corsi e lezioni

Este: patto fra scuola e aziende del territorio per corsi e lezioni

Scuola e lavoro uniti per la formazione degli studenti e per il loro futuro professionale.

Nel corso del 2019 l’Iis Euganeo di Este, che offre ai 1200 studenti iscritti un’offerta formativa che spazia tra 6 indirizzi di carattere tecnico, ha deciso di arricchire la programmazione didattica più tradizionale con corsi abilitanti per completare il bagaglio delle competenze degli studenti dell’istituto.

Il dirigente scolastico Francesco Bussi e i suoi collaboratori hanno contattato numerose aziende del territorio, al fine di condividere il progetto e avere supporto tecnico ed economico per poter strutturare l’ampliamento dell’offerta formativa.

La prima proposta ha riguardato i conduttori di carrelli elevatori, in collaborazione con la Proteko di Vicenza che ha tenuto la parte teorica dei corsi e con Buzzi Unicem di Monselice e Hiref di Tribano che hanno messo a disposizione gli spazi aziendali, il muletto e il personale preposto per le prove pratiche.

L’offerta ha toccato anche la specializzazione termotecnica con corsi per l’ottenimento del patentino F-Gas, gestiti da professionisti del settore e finanziati tramite donazione da parte di Proteko, FrigoSystem di Padova e Hiref.

Nel campo della specializzazione per la manutenzione dei mezzi di trasporto, sei aziende hanno tenuto lezioni gratuitamente a scuola su vari temi: Zanotto Automotive di Padova, Brembo di Curno, Proteko di Vicenza, Autofficina Farinazzo e Gasperini di Casale di Scodosia, Qsa di Trento e Officina Servizio Diesel di Monselice, Il patto con le aziende è stato stretto anche per lo svolgimento dei periodi di alternanza scuola-lavoro. Sempre in termini di collaborazione, la ditta C.M.&M. Carpenterie di Vighizzolo d’Este ha donato il materiale in acciaio inox per la realizzazione di parte dell’Albero dei Caduti sul lavoro, un’opera per ricordare le vittime di incidenti sul lavoro, visibile sul cortile dell’istituto Fermi.

Nicola Cesaro

Le più lette