Fabio Bui: “Impresa e giovani, il futuro è loro”

“Il triangolo industriale Milano, Bologna e Veneto centrale marcia ad una velocità superiore rispetto al resto dell’Italia. Ma questa avanguardia imprenditoriale, conquistata con impegno, determinazione, fatica, non deve essere data per scontata, bensì continuamente sostenuta e implementata”. Parola di Fabio Bui, presidente della Provincia e sindaco di Loreggia. Qualche settimana fa ha partecipato a Treviso all’Assemblea Generale di Unindustria di Padova e Treviso, da qui lo spunto per una riflessione più ampia sul tema.

“È urgente avviare adeguate politiche industriali perché come diceva Steve Jobs “Circa la metà di quello che separa gli imprenditori di successo da quelli che non hanno successo è la pura perseveranza” – afferma Bui –. Inoltre, il mercato non perdona: avere strade, collegamenti aeroportuali, treni veloci, assi viari, banda larga, fa la differenza per un imprenditore che decide di insediare il proprio sito in un territorio anziché prediligerne un altro. Quindi dobbiamo essere tutti uniti per portare a casa investimenti e sostenere le imprese”. Ma la parola futuro pare un tabù soprattutto se pensiamo alle giovani generazioni.

“Io credo che dobbiamo lottare perché i nostri giovani vedano che qui c’è futuro, c’è lavoro, c’è meritocrazia. Quando si parla di futuro, si deve necessariamente pensare a loro – ribatte Bui -. Una maggiore considerazione per l’alternanza scuola-lavoro, oggi sempre più accantonata nell’agenda di governo, la valorizzazione degli I.T.S. come formazione altamente specializzata a servizio delle imprese, vanno riconsiderati con estrema attenzione e urgenza”.

Bui fa l’esempio di aziende, e non sono poche, che “negli ultimi anni hanno fatto non solo un salto tecnologico e manageriale, ma hanno rafforzato anche i loro valori fondanti di comunità di persone che agiscono non solo per conseguire il profitto, ma per costruire un rapporto di collaborazione e consolidare una maggiore cultura industriale nel territorio. L’iniziativa privata e quella pubblica non sono in contrapposizione: si sostengono e si completano a vicenda. Lo sviluppo si basa, sempre, su una collaborazione che va a vantaggio di tutti”.

Nicoletta Masetto

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento