Gabriele Strata, giovane pianista prodigio, incanta il Teatro di Cavarzere

Serata memorabile al Serafin di Cavarzere , sabato 01 giugno, grazie ad una giovane promessa del panorama musicale contemporaneo: il diciannovenne pianista padovano Gabriele Strata, vincitore della XXXV edizione del Premio Venezia, il  prestigioso concorso pianistico riservato ai migliori diplomati dei Conservatori di tutta Italia, organizzato dagli AMICI DEL TEATRO LA FENICE.

L’estrema bravura e l’impeccabile precisione tecnica ha incantato il numeroso pubblico presente attraverso un repertorio che spaziava dai Preludi di Debussy, ai notturni di Chopin op 27 fino ai brani virtuosi di Liszt quali “Harmonies du Soir”  e “Apres une lecture du Dante, Fantasia quasi Sonata”.

Un repertorio impegnativo in cui ha prevalso un raffinato virtuosismo del colore, del suono e dell’immaginazione dell’esecutore. L’intelligenza musicale ed emotiva del giovane Gabriele ha trasportato tutti i presenti in un sogno reso magico dalle sonorità calde e colorate del pianoforte rendendo la serata un’evento di alto livello artistico e culturale.

“Un giovane veramente incredibile, una maestria importante per un ragazzo che ha una grande carriera davanti a sè e credo che lo abbia dimostrato” –  queste sono le parole dell’Assessore alla cultura prof. Paolo Fontolan che ha sostenuto l’iniziativa resa possibile grazie alla passione, all’interessamento della pianista Stefania Masiero.

In contatto da tempo con gli Amici del teatro La Fenice, che attraverso la sua presidente contessa Barbara di Valmarana ha concesso a Cavarzere il privilegio di includere tra i riconoscimenti al primo classificato un concerto-premio al Tullio Serafin, la pianista cavarzerana ha anche presentato in modo elegante ed è il caso di dirlo, competente il ricco programma della serata.

Padovano di nascita, Gabriele Strata si è diplomato in pianoforte al Conservatorio di Vicenza con lode e menzione d’onore sotto la guida di Riccardo Zadra e Roberto Prosseda. Attualmente frequenta il Master’s degree alla prestigiosa Yale University con Boris Berman, dove nel primo anno di studi è risultato vincitore del Charles R. Miller Prize quale most outstanding pianist dell’anno, nel giugno 2016 gli è stata inoltre consegnata dalla Presidente Laura Boldrini la medaglia della Camera dei Deputati per meriti artistici. Si esibisce con regolarità in Italia e all’estero; la stagione 2018-2019 include recital in alcune delle sale da concerto più importanti d’Europa, come la Royal Concertgebouw di Amsterdam, il Teatro La Fenice di Venezia, la Philharmonic Hall di Bratislava, oltre che a Parigi, Bruxelles e al National Centre for Performing Arts di Mumbai.

Onore e gratitudine quindi al pianista che ha replicato lo stesso programma il giorno successivo, 02 giugno, presso il teatro La Fenice in occasione della festa della Repubblica.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento