Servizi sociali: riscritto dopo ben 26 anni il regolamento di Vigodarzere

A ventisei anni dall’ultimo Regolamento in materia di servizi sociali, il Comune di Vigodarzere “riscrive” l’atto normativo previsto per l’erogazione degli interventi e dei servizi sociali

“Abbiamo voluto riformularne uno nuovo, più articolato e attuale – spiega l’assessore ai Servizi Sociali, Monica Cesaro –. È stato presentato e approvato, all’unanimità da tutto il consiglio comunale nella seduta del 22 maggio scorso. Il nuovo Regolamento snellirà l’attività amministrativa e sarà di supporto non solo agli uffici competenti, ma anche alle assistenti sociali dell’Uls”.

Nel concreto, il nuovo “disciplinare” fissa i criteri di accesso, la gestione e l’ erogazione degli interventi economici e di assistenza sociale, i servizi scolastici e ludico ricreativi, il trasporto, i pasti a domicilio e l’ inserimento in strutture di anziani, disabili e minori.

Lo scopo è prevenire e rimuovere e risolvere le situazioni di disagio e di fragilità dei cittadini. “Questo è possibile solo se si è presenti con azioni e interventi in vari ambiti – prosegue l’assessore ai Servizi sociali, Cesaro –: si va da quello sociale sino alla sfera scolastica ed educativa. A tutti i nostri cittadini, senza distinzione, va sempre garantita la dignità personale, cercando di recuperare, quando è possibile, le situazioni di disagio con interventi mirati”.

Le persone che hanno diritto alle prestazioni sociali devono essere iscritte all’anagrafe di Vigodarzere.

“È una tappa importante, una riscrittura necessaria che ha richiesto tempo e competenza. Un grazie sentito va al responsabile dei servizi sociali, dottor Lucio Piva, alla sua collaboratrice Lucia Vettore e all’ assistente sociale, dottoressa Rossella Sarto per aver lavorato con me a questo progetto e aver permesso di tradurlo in pratica”.

(n.m.)

Lascia un commento