Caldo afoso: allarme installatori e climatizzatori di scarsa qualità nella Riviera del Brenta

Estate tempo di climatizzatori e anche quest’anno in Riviera del Brenta le richieste di installazioni non sono mancate. Si stima siano state quasi 4000 mila in tutto il comprensorio. Ma spesso la fretta e la necessità di risparmiare, può far correre dei rischi anche in termini di sicurezza alla clientela.

A lanciare l’allarme sono Andrea Bernardi vicepresidente dell’Associazione Artigiani e Piccola Impresa Città della Riviera del Brenta e capo della categoria impiantisti, e il segretario Giorgio Chinellato.

“Anche questa estate – spiegano Bernardi e Chinellato – gli impiantisti del territorio della Riviera del Brenta sono stati subissati da migliaia di richieste di intervento soprattutto da parte di utenti privati per l’installazione di climatizzatori. Solo il 30 % delle abitazioni della zona ad ora è fornito di un impianti di climatizzazione e perciò le potenzialità di sviluppo e mercato del settore sono ampie. In questo contesto spesso si inseriscono installatori fai da te dell’ultimo momento, che propongono lavori fatti in fretta e a basso costo che poi non garantiscono funzionalità e manutenzione dell’impianto stesso”.

Altro problema che si riscontra è quello dell’acquisto di prodotti cinesi che costano sensibilmente di meno ma che molto spesso non hanno le garanzie richieste dalla legge in tema di impianti di climatizzazione.

Il vicepresidente Andrea Bernardi ricorda come sia importante rivolgersi a impiantisti autorizzati e specializzati (che hanno il patentino frigoristi) per avere le anche tutte le documentazioni previste dalle normative regionali e nazionali e fra queste soprattutto la “dichiarazione di conformità” che permette la regolare manutenzione periodica dell’installazione con il ricambio dei filtri.

“Il mancato ricambio periodico dei filtri – conclude Bernardi – provoca problemi di tipo sanitario per l’accumulo di polveri. Una manutenzione questa che può essere fatta da tecnici specializzati, aggiornati e preparati, certamente non da improvvisati installatori fai da te”.

Lascia un commento