Dermatite atopica: manifestazioni cliniche e consigli su trattamenti dermocosmetici

La dermatite atopica è una patologia largamente diffusa, colpisce in particolar modo i bambini sotto l’anno di età. Si riconosce per le di chiazze di tipo erimatoso e desquamazioni soprattutto a livello della fronte, del cuoio capelluto e guance. Oltre a manifestazioni di questo tipo, la dermatite atopica è fortemente pruriginosa, causando fastidio soprattutto nel bambino che tende a grattarsi provocandosi lesioni sulla pelle. La dermatite atopica si presenta diversamente a seconda dell’età della persona che ne è affetta; nei neonati compaiono rush (dal francese antico rasche, ovvero grattare, detto anche esantema) diffusi, cute secca, desquamata ed arrossata e possibili infezioni cutanee. Nei bambini dai due anni in su il rush si localizza a livello dei gomiti, ginocchia, polsi e caviglie.

Le chiazze sono di tipo desquamativo e pruriginoso inoltre la cute può risultare più spessa e scura nelle zone di grattamento per via di un fenomeno definito lichenificazione ovvero un meccanismo di difesa da parte della cute in seguito all’eccessivo grattamento. Negli adulti la dermatite atopica si presenta con chiazze che ritroviamo nelle pieghe dei gomiti e delle ginocchia, può coprire zone estese del corpo causando una forte secchezza e prurito costante. La dermatite atopica, detta anche eczema atopico, colpisce anche le mani e non meno frequenti sono le infezioni sulle lesione delle pelle provocata dal grattamento. I trattamenti farmacologici consigliati dal medico e i trattamenti dermocosmetici, mantengono sotto controllo i sintomi senza, purtroppo, debellare la malattia. Tuttavia è possibile seguire alcuni accorgimenti per convivere al meglio con questo disturbo topico. Iniziamo con la detersione che va fatta con acqua non troppo calda, la doccia o il bagno non dovrebbero durare più di 5-10 minuti e non andrebbero fatti più di una volta al giorno.

La pelle va asciugata senza sfregarla, ma tamponando delicatamente con un panno morbido. Le creme idratanti o i farmaci topici vanno applicati subito dopo la detersione in modo che l’assorbimento sia ottimale. I detergenti devono essere privi di profumo e non schiumogeni. Passiamo quindi all’idratazione altro passaggio fondamentale per dare sollievo ai sintomi della dermatite atopica. Le creme idratanti devono essere senza profumo e possibilmente grasse; le creme dovrebbero contenere il più basso numero di ingredienti per diminuire il rischio di allergie; l’idratazione della pelle andrebbe eseguita almeno un paio di volte al giorno per avere risultati migliori. Anche se la dermatite atopica non è causata dall’alimentazione, spesso viene consigliato di evitare alcuni alimenti perchè è stato osservato che alcune allergie alimentari conclamate possono coesistere con la dermatite. Sia chiaro che alcuni alimenti possono peggiorare le fasi acute, ma non provocare la malattia.

Gli alimenti più comuni da non assumere soprattutto nei bambini sotto i 5 anni sono: latte, uova, nocciole, grano, soia e crostacei. Dunque per riuscire a convivere al meglio con questa patologia è necessario seguire il consiglio medico che indicherà al meglio le terapie farmacologiche. Chiedi inoltre consiglio al tuo farmacista di fiducia per conoscere i prodotti dermocosmetici più adatti al proprio caso.

Farmacia Tre Colombine
della Farmacia San Gaetano s.n.c.
Dott.sse Maddalena e Patrizia Zanetti
– Via Leopoldo Baruchello, 30
– ROVIGO tel.0425/412038
Piazza Risorgimento 21 – Lendinara (Ro)
tel. 0425/641026 – www.farmaciatrecolombine.it

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento