Mira: residenza Suor Armanda, un anno a servizio delle persone più fragili

Attività di arte, musica, teatro-terapia, dog therapy, fisioterapia, rieducazione funzionale con professionisti certificati

La residenza disabili “Suor Armanda” di Mira ha compiuto a luglio il suo primo anno di servizio nel territorio, accogliendo tante persone dai 18 ai 65 anni con disabilità gravi e gravissime di diversa natura e di elevata assistenza sanitaria.

“Questo servizio – spiegano gli operatori – ha permesso ad utenti e famiglie di riavvicinarsi, prima lontani a causa della mancata presenza del servizio nelle vicinanze, grazie alla stretta collaborazione con l’equipe multidisciplinare dell’Ulss 3 coordinata dalla dottoressa Patrizia Piovan”.

La struttura prevede attività multisensoriali, seguendo il metodo olandese e utilizzando strumenti come la Snoezelen Room e la vasca sensoriale, al fine di intensificare la relazione tra utente e operatore, e promuovere il benessere della persona nella sua interezza.

Vengono svolte anche attività di arte-musica-teatro terapia, dog therapy, lezioni di cultura generale, fisioterapia, rieducazione funzionale in collaborazione con professionisti certificati. Si organizzano attività ludico ricreative e di socializzazione, coinvolgendo le famiglie con momenti di condivisione presso le proprie abitazioni e le realtà presenti sul territorio, fra cui l’associazione Il Parco Tivan, PeterPan, Unitalsi, Dottor Clown, V.I.P, Il Piccolo Principe, Servizio Stacco e gli scout della parrocchia di Mira.

Prestano la propria attività inoltre alcuni volontari che condividono un tempo di qualità con gli utenti della residenza, e persone che portano la propria testimonianza di vita, come Alessandro Bottin laureato in Teologia a Padova.

“Oltre alle attività di routine vengono organizzati tour nel territorio – spiegano gli operatori – come la gita all’Oasi di Cervara e in Villa Pisani, il SeaLife a Jesolo, la gita in barca nella laguna di Venezia, gite in agriturismo nel Miranese, i soggiorni in montagna e al mare e il pellegrinaggio a Lourdes con l’Unitalsi. Per festeggiare il primo compleanno della residenza la struttura ha condiviso nelle scorse settimane un momento di festa in Villa Widmann con utenti, familiari e tutto il personale dipendente”.

Alessandro Abbadir

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento