Santa Maria di Sala: al via la stagione estiva dei cantieri

Tante le asfaltature in programma dopo le piogge primaverili. Dissuasori in via Rugoletto, Carpini, Gaffarello, Cognaro

A Santa Maria di Sala un’estate di lavori, approfittando di vacanze e scuole chiuse. A luglio sono infatti partiti alcuni interventi che riguardano principalmente i plessi scolastici, in particolare quelli di Caselle, Stigliano e del capoluogo, dove sono in corso lavori di miglioramento strutturale in adeguamento alle normative antisismiche. Lo ha annunciato l’assessore ai Lavori pubblici Francesca Scatto, che ha confermato come si tratti di interventi che potevano iniziare solo a istituti chiusi, dunque al termine dell’anno scolastico e che in ogni caso termineranno nei primi giorni di settembre, in tempo per la ripresa delle lezioni.

Previsto, per completare i lavori, un contributo regionale di quasi 265mila euro. Ma il Comune ha deciso di approfittare dell’estate e del poco traffico sulle strade anche per procedere con alcuni lavori di asfaltatura, possibili solamente ora, dopo le piogge di primavera. Si è già intervenuto nei mesi scorsi lungo le vie Cagnan, Braguolo, Marconi, Ferraris e viale Rimembranze, ora si procederà su un nuovo lotto di strade. Partito intanto nelle scorse settimane anche il rifacimento dei marciapiedi lungo via Fratella a Caselle e inizierà anche la messa in opera dei dissuasori di velocità su alcune vie del territorio, come via Rugoletto a Veternigo, viale dei Carpini e via Gaffarello a Santa Maria di Sala, via Cognaro e via Salgari a Caselle e via Fracasso a Stigliano. Infine procedono anche i lavori di restauro della facciata ovest di Villa Farsetti, insieme a quelli di consolidamento e restauro dei marcapiani del monumentale edificio.

“Entro l’estate – precisa l’assessore Scatto – inizierà anche la seconda parte dei lavori di asfaltatura sul territorio comunale. Altre opere sono in corso di progettazione, come ad esempio quella relativa alla messa in sicurezza del centro del capoluogo, che verrà presentata quanto prima alla cittadinanza”.

Filippo De Gaspari

Lascia un commento