Unione dei Comuni, per Martellago è stallo

Le opposizioni scalpitano: “Se si esce, si deve farlo tassativamente entro il mese di settembre”

Unione dei Comuni del Miranese, uscire o restare: Martellago non ha ancora deciso.

Il dubbio era stato sollevato per la prima volta ancora lo scorso autunno dai consiglieri di Unione Civica, che avevano chiesto al sindaco Andrea Saccarola di poter valutare, in base però a dati certi, costi e benefici rispetto alla permanenza all’interno dell’Unione, ma anche rispetto ad una eventuale fuoriuscita.

In consiglio comunale ci si era accordati per riparlarne entro aprile, in realtà si è arrivati alla seduta del 12 giugno scorso.

“Il sindaco però non ci ha detto niente di nuovo, – ha spiegato Alessio Boscolo di Unione Civica – riportandoci la solita relazione sull’attività della polizia locale, che era già stata ampiamente analizzata anche in precedenti occasioni”.

Ecco perché è stato sollecitato e richiesto un nuovo report più approfondito, che pare verrà esaminato a porte chiuse, anche alla luce della possibilità di valutare opzioni di convenzionamento diverse.

“Il punto è che se dovessimo decidere di uscire, – ha commentato ancora Boscolo – dovremmo farlo tassativamente entro settembre, altrimenti avremo perso un altro anno. Non ci resta molto tempo. Se il sindaco e questa giunta non ci daranno risposte a breve, andrà a finire che questa analisi ce la faremo da soli”.

Dunque per il momento la situazione è in stallo, anche perché l’ultima tornata elettorale non ha cambiato più di tanto le carte in tavola.

Santa Maria di Sala già uscita, a Noale il sindaco, riconfermato, Patrizia Andreotti si era già espressa a favore, mentre a Scorzè, Nais Marcon, Ciclabile in via Rialto, Aque Nove: “E’ pericolosa” ha comunque annunciato l’intenzione di andare avanti all’insegna della totale continuità con l’amministrazione guidata da Giovanni Battista Mestriner, che aveva sempre deciso di restarne fuori.

Unico cambiamento a questo punto potrebbe essere una diversa presa di posizione da parte di Spinea, passata dal centrosinistra al centrodestra con il nuovo sindaco Martina Vesnaver.

Elena Callegaro

Lascia un commento