Home Sport Este: finisce l’era Baù, arriva Bartoloni

Este: finisce l’era Baù, arriva Bartoloni

Dopo quattro anni intensi, uno in Promozione e gli altri in Serie D, il tecnico atestino cede il timone al nuovo coach già alla guida degli Under 15 con buoni risultati

Finisce un’era per la Pallacanestro Redentore Este: coach Fabio Baù non è più l’allenatore della prima squadra. Dopo quattro anni intensi, uno in Promozione e tre in serie D, il tecnico atestino cede il timone di un gruppo che nel tempo ha plasmato sulla base del suo credo cestistico, attraverso la cultura del lavoro e lo spirito di sacrificio. Il massimo risultato raggiunto è rappresentato dall’accesso ai playoff di serie D nel campionato 2017/2018, un traguardo considerevole e del tutto inaspettato per una compagine giovane come quella dei “Reds”. La scorsa stagione, invece, l’atroce sconfitta sulla sirena nel fortino del Basket Paese, che ha condannato alla retrocessione. Retrocessione poi annullata dal ripescaggio estivo, che ha riammesso il Redentore al torneo regionale.

“Riecheggia ancora nelle mie orecchie il cupo suono del pallone sulla tabella in occasione di quella tripla a poco più di un secondo dalla fine di gara 3” confessa il dirigente Mirco Battistella, ricordando l’amaro epilogo degli ultimi playout. “Tuttavia la serie D per noi è veramente importante e ritengo sia meritato esserci ancora per tutto l’impegno che ci stiamo mettendo e gli ottimi risultati delle nostre giovanili. La prima squadra deve essere fonte ispiratrice per i più piccoli e va vista come un punto di arrivo”.

La stagione che si accinge a muovere i primi passi sarà molto importante per Ianno e compagni, che verranno dunque guidati da un nuovo allenatore: si tratta di Giuliano Bartoloni. “Sì, coach Baù ha passato il testimone a coach Bartoloni. Giuliano ha iniziato a collaborare con noi lo scorso anno, ottenendo buonissimi risultati da tecnico del gruppo under 15. Riteniamo che sia in questo momento la persona giusta per guidare la prima squadra e continuare il grande lavoro iniziato da Fabio”. La volontà è quella di riuscire a guadagnarsi sul campo la permanenza nella categoria: “L’obiettivo principale è la salvezza, sperando magari di toglierci anche qualche bella soddisfazione durante il torneo. Il nostro spirito sarà quello di sempre, ogni partita una battaglia. Il cuore del Redentore tante volte ha fatto la differenza andando a colmare i gap tecnici, sarà così anche nel prossimo campionato”.

L’addio di Baù (che comunque rimarrà a Este, dove seguirà i gruppi under 18), non è però l’unico che ha scosso l’ambiente biancorosso. Anche Raffaele Guarini, infatti, non fa più parte del roster della prima squadra. “Raffaele ci ha lasciato per andare a fare un’esperienza che lui ritiene importante. Noi rispettiamo la sua decisione ma guardiamo avanti, non possiamo fare altrimenti. Stiamo già lavorando per riuscire a far pesare il meno possibile la sua assenza. Quest’anno ce lo troveremo come avversario, sarà sicuramente un momento particolare sia per lui che per noi” dice Battistella. Guarini, che negli anni era diventato il principale terminale offensivo di coach Baù, ha salutato e ringraziato i suoi tifosi con un lungo post pubblicato nel sito della società. “Sotto la maglia sarò sempre Reds” ha scritto.

Davide Permunian

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Seguici anche su

6,291FansLike
276FollowersFollow
3SubscribersSubscribe