Home Rodigino Delta A Rosolina sono quasi conclusi i lavori per il museo diffuso delle...

A Rosolina sono quasi conclusi i lavori per il museo diffuso delle dune fossili e degli orti

L’itinerario integrerà le ciclabili esistenti sulla destra Adige con via A.Moro, passando per il centro di Rosolina e giungendo alla stele celebrativa in marmo di Villaggio Norge

Nell’ambito del piano strategico urbanistico Rosolina 2030 è in via di definizione il Museo diffuso delle dune fossili e degli orti. Per il futuro anche il museo diffuso di via delle valli.

Sono in fase di ultimazione i lavori per il museo diffuso di Rosolina, che collegherà la ciclabile VenTo (Venezia-Torino), dalla destra Adige alla piazza di Villaggio Norge, tra bellezze paesaggistiche e le coltivazioni orticole come il radicchio Igp.

L’itinerario in progetto integrerà le ciclabili esistenti nella destra Adige con via A.Moro (Volto), passando per il centro di Rosolina, proseguendo per via Marangon e giungendo quindi alla stele celebrativa in marmo, realizzata da Virgilio Milani, situata al centro della piazza di Villaggio Norge, punto di arrivo o punto di partenza del museo diffuso all’aria aperta.

Il percorso di visitazione interesserà l’area contigua delle scuole di Volto (che verrà attrezzata per attività didattiche e giochi avventura per bambini) e lungo tutto il percorso saranno collocati dei cartelli storici e totem informativi che accompagneranno il turista visitatore nella piazza centrale del municipio per poi proseguire lungo la ciclabile di via Marangon. La strada che collega il centro di Rosolina con la frazione di Villaggio Norge si sta arricchendo in questi giorni oltre che di cartelli informativi, anche di portabici. Saranno valorizzate le coltivazioni orticole per la produzione del radicchio IGP e curata la visita della duna fossile con percorsi sensoriali e tattili.

“Il costo complessivo dell’opera progettata dall’architetto Barbara Pregnolato è di 305mila euro, di cui 200mila euro di fondi Gal e 105mila euro provenienti dalla casse comunali – fa sapere l’assessore Gazzola che prosegue -. Stiamo lavorando con l’architetto Davide Ferro al Museo di via delle valli, per rendere maggiormente fruibile ai cittadini l’attuale itinerario turistico che dalla località Portesine si dirama in direzione est per l’isola di Albarella e verso ovest per connettersi ai percorsi arginali del Po di Levante”.

Il costo del progetto è di 240mila euro, di cui 170mila euro di fondi Gal e resto fondi comunali. L’opera è in via di aggiudicazione dei lavori. Due progetti che fanno parte del piano strategico urbanistico Rosolina 2030.

Guendalina Ferro

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette