Carte prepagate 2019: come scegliere la migliore?

Il 2019 ha rappresentato il momento di sbarco di numerose nuove carte prepagate sul mercato italiano, e l’espansione di quelle pre-esistenti con nuovi servizi e nuove proposte. Ma cosa sono le carte prepagate? E come scegliere la migliore?

Cercheremo di rispondere brevemente a tutte queste domande, cominciando con una breve panoramica di cosa siano le carte e quali sia il loro funzionamento, per poter poi individuare alcune proposte che sembrano essere particolarmente in voga nel mercato italiano.

Cosa sono le carte prepagate

Cominciamo con il sottolineare come le carte prepagate non siano altre che una sorta di “mix” tra un conto corrente e una carta bancomat: le funzioni sono molto simili a quelle di un comune strumento di pagamento, con la differenza che la tessera non sarà collegata a un conto corrente, ma a un plafond di denaro che l’utilizzatore avrà “caricato” sulla carta prima del suo utilizzo.

Insomma, in altri termini, la carta prepagata funziona come una sorta di scheda telefonica “ricaricabile”: si può utilizzare fino a quando il suo credito non si esaurisce, mentre non è possibile spendere oltre il suo saldo.

Ma quali sono le migliori carte prepagate del 2019?

Le migliori carte prepagate

È molto difficile cercare di comprendere quali siano le migliori carte prepagate in circolazione, considerato che ogni strumento può ben soddisfare le ambizioni di una specifica categoria di utenza.

Tra le più note e più gettonate, sta acquisendo grande successo quella di Hype, del gruppo Banca Sella, disponibile sia nella versione Start (gratis) che Plus (1 euro al mese), e con tantissimi servizi destinati ad essere integrati altresì con il proprio smartphone.

Non possiamo poi non citare la cartaN26, una carta emessa da un istituto di credito tedesco che può già vantare più di 1 milione di clienti in tutta Europa. Collegata al circuito Mastercard, è disponibile in una versione gratuita e in due opzioni premium come Black e Metal.

Come funzionano le carte prepagate

Sia che optiate per la carta Hype, per la carta N26 o per altre carte di pagamento, il funzionamento delle prepagate è molto simile.

In estrema sintesi, le carte prepagate funzionano come le normali carte di debito o di credito, con la sola differenza che invece di prendere i soldi dal conto correte (carte di debito) o da un prestito (carte di credito), si stanno spendendo i soldi contenuti nella stessa carta.

Proprio per questo motivo una carta prepagata che non è stata ricaricata preventivamente non può essere utilizzata. E, anche in caso di ricarica preventiva, potrà essere utilizzata solo nella concorrenza di quanto caricato in essa.

Detto ciò, l’utilizzo nei negozi fisici o su Internet sarà il medesimo delle comuni carte di debito e di credito con le quali avete magari maggiore confidenza. Anche per questo motivo tale strumento è stato in grado di diffondersi con semplicità e successo nelle tasche di centinaia di migliaia di italiani, che ne hanno apprezzo la bontà e la qualità della proposta.

 

Lascia un commento