Home Veneziano Miranese Sud Liberare la piazza dalle auto, il progetto di Italia Nostra per Mirano

Liberare la piazza dalle auto, il progetto di Italia Nostra per Mirano

Per il Comune i parcheggi del centro spesso sono liberi perchè con disco orario o a pagamento

“Liberare la piazza dalle auto: altrimenti sarà sempre una rotatoria”. I soci miranesi di Italia Nostra scrivono al sindaco Maria Rosa Pavanello per chiedere di prendere seriamente in considerazione un piano dei parcheggi e la pedonalizzazione, almeno parziale, del cuore di Mirano.

“La nostra città – scrive il loro rappresentante Adriano Marchini – che dispone di una delle più piazze più belle e accoglienti, non la valorizza a dovere, anzi la mortifica trattandola come una grande rotatoria stradale e un parcheggio per auto. Ma così si cancellano le sue enormi potenzialità attrattive, danneggiando anche le sue attività”. L’obiettivo di Italia Nostra è un piano generale per il centro storico che punti a liberare la piazza dal traffico, valorizzandone le qualità urbanistiche e sociali e, tra queste, anche il commercio.

“Il paradosso – prosegue la lettera – è che a Mirano, contrariamente a quanto si vuol far credere, c’è un’ampia disponibilità di parcheggi, tutti distribuiti attorno al centro storico. Il problema è semmai come vengono utilizzati e quale dev’essere la loro funzione al servizio della mobilità cittadina. Nella situazione attuale, la maggior parte degli stalli non prevede limiti orari e sono pertanto utilizzati non da chi deve accedere alle piazze per un tempo limitato, ma da chi abita vicino o ci lascia la macchina per un tempo prolungato o per tutto il giorno”.

Immediata la replica: “Non abbiamo mai detto – afferma l’assessore alle attività produttive Cristian Zara – che i parcheggi siano troppo pochi, anzi, li riteniamo sufficienti e stiamo lavorando per fare in modo che possano essere utilizzati al meglio, a cominciare, per esempio, da quello sotto il teatro. Inoltre, se è pur vero che molti parcheggi sono liberi, in piazza, in via Gramsci, viale Rimembranze, via Castellantico e nel parcheggio di via Pensieri, sono quasi tutti a tempo, sia a disco orario che a pagamento. Ma sulla pedonalizzazione, ragionare oggi sulla chiusura non rientra nelle nostre prerogative: prima dovrebbero essere posti in essere interventi che a oggi sono impensabili”.

Filippo De Gaspari

Le più lette