Home Padovano Bassa Padovana Monselice: sottopasso chiuso, ecco la bretella

Monselice: sottopasso chiuso, ecco la bretella

Una vera e propria circonvallazione alla città, utilizza una strada interna allo stabilimento Italcementi

Fino a marzo sarà l’unica soluzione, o perlomeno la più agevole, per raggiungere il centro di Monselice dal Carmine. E’ stata ufficialmente aperta la bretella voluta dall’amministrazione comunale per rendere meno dolorosa la chiusura del sottopasso ferroviario di via Valli. Più che una bretella, la nuova strada che passa attraverso l’ex stabilimento Italcementi rappresenta una vera e propria circonvallazione alla città di Monselice. “E chissà che questa strada non si limiti ad essere una semplice viabilità alternativa temporanea, ma rappresenti un tassello importante per una futura circonvallazione completa”, ha sottolineato il sindaco Giorgia Bedin al taglio del nastro.

Fino al prossimo marzo il sottopassaggio che dal Carmine porta in centro a Monselice sarà inaccessibile, per permettere lavori di consolidamento e di allargamento del tunnel ferroviario. Questa chiusura rappresenta un serio problema non solo per i residenti del Carmine e per chi deve raggiungere il quartiere, ma anche per tutti coloro che arrivano (o devono arrivare) da Baone, Arquà Petrarca e Cinto Euganeo. La nuova bretella utilizza la strada interna allo stabilimento Italcementi, oggi non più attivo, e si estende per 1,6 chilometri. Si innesta tra la provinciale 6 di Ca’ Borin, che da Baone porta a Monselice, e sbuca sulla Padana Inferiore all’altezza del grande incrocio di via Marendole.

Il costo finale dell’opera, sostenuto da Rfi, è stato ben più salato delle previsioni, che sono state quasi doppiate: alla fine l’intervento è costato mezzo milione di euro. Oltre venti cartelli sono stati installati nei dintorni della deviazione per illustrare efficacemente la viabilità alternativa attraverso l’ex Italcementi. In tempi brevi verrà installato anche un semaforo all’incrocio con la nuova regionale 10, forse il punto più delicato della nuova viabilità.

Nicola Cesaro

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette