Home Padovano Camposampierese Ovest Attesa finita: a Campodarsego arrivano il collegamento con la statale e la...

Attesa finita: a Campodarsego arrivano il collegamento con la statale e la pista ciclabile

“Nonostante il Patto di stabilità, siamo riusciti a portare a casa la terza grande opera”

Nuova pista ciclabile in via De Toni e nuovo collegamento tra la vecchia strada statale 307 e via Pioga. È stato approvato dalla giunta comunale il progetto esecutivo di due opere attese da tempo. C’era stata anche una raccolta di firme, sottoscritta e protocollata in Comune da oltre una quarantina di residenti del quartiere Moretta, che chiedevano da anni la realizzazione di una pista sul lato ovest di via De Toni. Per l’opera sono stati stanziati 300mila euro. Il progetto rientra nel programma triennale delle opere pubbliche 2019-2021.

Sarà l’inizio di un intervento molto importante: garantirà, infatti, il transito in sicurezza di pedoni e amanti della bici lungo un’arteria di continuo scorrimento – spiega l’assessore ai Lavori pubblici, Valter Gallo -. Nonostante il Patto di stabilità, siamo riusciti a portare a casa la terza grande opera pubblica, a dimostrazione del fatto che, lavorando in sinergia, i risultati si ottengono. La ciclabile non toccherà unità abitative private, ma continuerà il suo tratto in un’area di competenza provinciale. Ovviamente sarà tombinato il fosso e saranno realizzati i sottoservizi, con il potenziamento di un impianto di illuminazione a led. Un’opera che andrà a creare un sistema a rete di mobilità, equilibrato e completo, in cui la bicicletta diventerà una concreta alternativa per il lavoro e il tempo libero. Soprattutto per i ragazzi che da Cavino intendono raggiungere la stazione ferroviaria di Campodarsego o per i bus che transitano lungo la strada 307. Inoltre, come Comune abbiamo partecipato al bando regionale che prevede uno stanziamento di 1 milione e 250mila euro per la realizzazione di una nuova serie di tratti di percorsi ciclabili”.

In dettaglio, il progetto prevede il prolungamento della pista ciclopedonale esistente che, partendo dalla strada regionale 307, si fermerà prima dell’impianto di carburanti. Saranno, quindi, realizzati i 600 metri che mancano per arrivare alla futura rotonda provinciale all’incrocio con via Brenta e al confine con il comune di San Giorgio delle Pertiche, dove la strada prende il nome di via Praarie. Un punto nero della viabilità, un crocevia pericoloso, teatro di numerosi incidenti stradali al centro, nelle ultime settimane, di un botta e riposta tra il vicepresidente della Provincia, Marcello Bano e il sindaco Valter Gallo.
Sul tavolo la questione della difficoltà di chiudere l’accordo preliminare per gli espropri dei terreni sulla provinciale 70 e dare così il via libera ai lavori della rotatoria che saràrealizzata entro la fine del 2021.

Giorgia Bortolato

Le più lette