Cavarzere: Lega, “l’area sud del Veneziano vorrebbe un proprio rappresentante in Regione”

Riserbo e prudenza a Cavarzere sulla possibilità che un esponente locale della Lega possa varcare la porta di Palazzo Ferro Fini a Venezia, sede del Consiglio regionale.

A dare credito alla possibilità ci sono un numero e una percentuale, eccoli: 3.700 persone, il 57,27%, che hanno scelto il Carroccio alle elezioni europee dello scorso maggio. Numeri che non possono essere ignorati.

“Strategie non ce ne sono, candidati non ce ne sono, quel che decide il partito sarà legge – si affretta a mettere in chiaro il consigliere comunale del Carroccio Pierfrancesco Munari -. È però alla luce del sole il fatto che attualmente il consigliere regionale più vicino a noi dal punto di vista geografico è Alberto Semenzato di Mirano. Quindi da Mirano verso sud non c’è nessun tipo di rappresentante sul territorio. Questo trend deve essere invertito perché abbiamo bisogno di qualcuno che porti in Regione le nostre istanze. Certo, il ragionamento deve essere fatto come area sud, ma se sarà il turno di Cavarzere sicuramente ci faremo trovare pronti con candidati che possono sicuramente ben figurare”.

Troppo presto, però, per esporsi ulteriormente e scoprire le proprie carte: “Al momento è tutto in stand by – continua Munari -. Dobbiamo capire cosa farà il partito. Tutto è demandato al presidente Zaia e ai vertici della Lega”.

Giorgia Gay

Lascia un commento