Home Rodigino Adria Un 2019 di celebrazioni e anniversari per Bottrighe

Un 2019 di celebrazioni e anniversari per Bottrighe

Dai 170 anni dalla posa della prima pietra della nuova chiesa, al 60° compleanno del Gruppo sportivo: due importanti ricorrenze caratterizzano quest’anno l’antica storia della città

Due importanti ricorrenze caratterizzano Bottrighe questo 2019. Avvenimento di notevole valore storico è il 170° anno dalla posa della prima pietra per la costruzione dell’attuale chiesa parrocchiale. Settant’anni dalla celebrazione del primo centenario e vent’anni dalla ricorrenza dei centocinquanta anni.

Dal documento del processo verbale del 16 dicembre 1849, si legge che sul finire del 1846 viene demolita, per vetustà, l’antica chiesa parrocchiale, mancando alla fabbricceria e agli abitanti i mezzi per ricostruirla, il consiglio comunale di Bottrighe con delibera 15 novembre del 1847 ne ammise la spesa a carico del Comune. L’ingegnere Antonio Lupati di Adria fu l’autore del progetto e si autorizzò l’esecuzione della prima parte dei lavori della ricostruzione, ovvero le opere fondamentali. Con decreto 28 ottobre 1849, il vescovo di Adria monsignor Bernardo Antonio Squarcina, autorizzò il parroco di Bottrighe don Antonio Campana alla benedizione della prima pietra. Fu una solenne celebrazione con la partecipazione numerosissima delle autorità di allora e della popolazione. La nuova chiesa fu dedicata ai santi Francesco d’Assisi e di Paola. All’interno della stessa, l’opera artistica di maggiore valore è senza dubbio il pulpito in legno pregiato acquistato su ordinazione dell’allora parroco don Antonio Zanchetta. È posta tra gli altari del Sacro Cuore e della Beata Vergine del Carmelo ed è dell’artista veneziano Bazarel, lo stesso che creò i due confessionali giunti sempre da Venezia nel 1868. Iscritta alla Sovrintendenza ai Monumenti, fu fatta giungere da Venezia nel luglio del 1862, nel periodo della sagra annuale.

Altra importante ricorrenza è per l’associazione Gruppo Sportivo Bottrighe che ha compiuto sessant’anni di attività: sorto in paese il 4 ottobre 1959 come organizzazione dell’allora gara ciclistica regionale dedicata al concittadino eroe Umberto Maddalena che divenne famosa ovunque, in Veneto e oltre confini. Pur mantenendo il nome attuale, nel corso degli anni, allargò le proprie attività in ricreativo-culturali con manifestazioni per tutto l’anno, come il carnevale, la festa al parco, il raduno dei Butrigan, le castagnate, quelle natalizie e altre anche di solidarietà, mantenendo vive le antiche tradizioni del luogo. Il Gruppo Sportivo è da sempre punto di riferimento per tante attività paesane. Da molti anni, è presieduto dall’infaticabile dottor Antonio Boni.

Roberto Marangoni

Seguici anche su

6,325FansLike
276FollowersFollow
3SubscribersSubscribe