A Bottrighe premiato il dottor Dalla Villa: 40 anni di servizio

“A Bottrighe, paese che considero a misura d’uomo, mi sono sempre trovato bene, tanto che decisi da subito, di stabilirmi qui”

Sala polivalente “Loris Cominato” gremita per festeggiare il dottor Roberto Dalla Villa, medico in paese per 40 ininterrotti anni. A rendere omaggio al noto medico, la locale biblioteca di Babele presieduta da Giorgio Fantinati, con una pregevole targa ricordo consegnata dal segretario Francesco Masieri.

A fare gli onori di casa si sono alternate Gabriella Veronese e Giuliana Fantinati della bibilioteca. Parole di riconoscenza e stima sono state espresse dal delegato del sindaco Michele Casellato, altresì, l’assessore regionale Cristiano Corazzari ha sottolineato anche quel “valore aggiunto” del medico, che nella sua carriera ha fatto anche una sorta di “sindacato” con i vertici sanitari ottenendo, nel tempo, importanti decisioni in favore dei cittadini. Paola Cominato ha letto una lettera del nuovo medico Silvia Tugnolo, impossibilitata ad essere presente. Testimonianza interessante, che ricorda cure e premura del dottor Dalla Villa, quella di Rossana Siviero, la sua prima paziente, allora dicisettenne. Gratitudini anche da Antonio Boni, presidente del Gruppo Sportivo Bottrighe.

Roberto Dalla Villa è nato a Lendinara ed è figlio di una famiglia numerosa, che si trasferì a Baricetta all’età di sei anni. Nella sua famiglia c’erano commercianti, ma anche professionisti, fra i quali uno zio medico anestesista. Si laureò in medicina a Padova e divenne assistente e pneumologo ad Adria. Nel 1979, durante un periodo di ferie, gli capitò di sostituire un medico di base a Bottrighe, in quel momento ammalato, da qui la decisione di proseguire la professione a contatto con la gente, rimanendovi per quarant’anni e dedicandosi all’assistenza dei suoi pazienti con grande dedizione e professionalità.

“Ringrazio tutti per l’affetto- ha detto il dottor Dalla Villa- fare il medico di base è più difficile che da specialistica, ci vuole un forte equilibrio, ma a Bottrighe, paese che considero a misura d’uomo, mi sono sempre trovato bene, tanto che decisi da subito, di stabilirmi qui”.

Roberto Marangoni

Lascia un commento