Home Veneziano Chioggia Chioggia: infrastrutture e viabilità, urgente un’alternativa alla Statale Romea

Chioggia: infrastrutture e viabilità, urgente un’alternativa alla Statale Romea

M5S, il consigliere comunale Daniele Padoan e il capogruppo Paolo Bonfà insistono sulla necessità di potenziare i collegamenti viari e ferroviari con Chioggia. Il presidente del Consiglio comunale Endri Bullo si fa portavoce di queste istanze a Roma

“Ormai da decenni si parla della necessità di potenziare i collegamenti viari e ferroviari della nostra città” esordisce il consigliere comunale del M5S Daniele Padoan sul tema delle infrastrutture.

“L’unica strada che attraversa il nostro territorio, la SS 309 Romea, – prosegue – rappresenta per Chioggia più un disagio che un vantaggio, essendo fonte di continui incidenti ed intasamenti e tagliando letteralmente in 2 le nostre frazioni di Cavanella, S. Anna e Valli, continuamente congestionate dal traffico pesante.

Il collegamento ferroviario, se così si può definire, è ridotto ormai ad una vecchia locomotiva senza vagoni, con i pochi utenti rimasti fedeli a questo mezzo che ogni mattina devono farsi il segno della croce sperando che non ci siano guasti o ritardi, e che, anziché collegarci con le città verso le quali ci sarebbe maggior esigenza, come Padova e Venezia, va in direzione opposta, verso Rovigo, obbligando così chi deve recarsi al lavoro, o semplicemente arrivare ad un nodo ferroviario principale per raggiungere altre destinazioni, ad utilizzare per forza l’autobus o la macchina”.

“In questi giorni, – incalza – le gravi difficoltà che Anas sta incontrando per eseguire la manutenzione sul ponte translagunare e sul ponte sul Brenta, evidenziano ancor di più che è necessaria, anzi urgente, una valida alternativa alla SS. Romea che “salti” completamente le nostre frazioni, sia per evitare che qualsiasi fatto accada sulla Romea le tagli fuori che per fornire alla città una viabilità alternativa così tanto sentita e fonfamentale nel periodo estivo, quando le migliaia di turisti in entrata ed in uscita si ritrovano costretti a lunghissime code anche per via della scarsa ricettività della Romea”.

“Per questo – prosegue – chiediamo che si prosegua, anzi si intensifichi, il pressing dell’amministrazione sugli enti ed istituzioni competenti, riproponendo la richiesta già fatta, anche personalmente, in occasione dell’incontro al Ministero delle Infrastrutture e Trasporti del 14 marzo scorso.

“Sin dal primo giorno del nostro insediamento – prosegue il capogruppo del M5S Paolo Bonfà – abbiamo sempre sostenuto in tutti i tavoli e in tutte le occasioni che Chioggia, la prima città del Veneto tra quelle non capoluogo di provincia, deve avere collegamenti viari e ferroviari degni di questi nomi. Ci rendiamo conto che queste necessità coinvolgono una moltitudine di enti ed istituzioni, tra cui Anas, Città Metropolitana, Regione Veneto, RFI e Sistemi Territoriali solo per citare i principali, e quindi la questione va affrontata in forma congiunta con essi”.

Osservazioni destinate, fra l’altro, al ministro delle Infrastrutture e Trasporti De Micheli tramite il presidente del Consiglio comunale Endri Bullo, che, nell’incontro dello scorso 25 novembre ha avuto modo di illustrare le problematiche relative alla viabilità e alla mobilità della città.

“E soprattutto – ha concluso Padoan – di chiedere che si proceda senza ulteriori indugi all’avvio un tavolo di concertazione fra tutti gli enti interessati, coordinato dallo stesso Ministero, affinchè si possa finalmente trovare la quadra su questi temi, così importanti sia per la nostra città che per l’intera mobilità litoranea tra centro e nord-est del paese”.

Le più lette