Home Trevigiano Treviso Ovest Maltempo: paura anche nel territorio trevigiano

Maltempo: paura anche nel territorio trevigiano

A terra numerosi alberi ma per fortuna nessun danno a case o persone

L’ondata di maltempo che a metà novembre ha portato a Venezia la seconda ”acqua granda” della storia ha messo in difficoltà anche la pianura della Marca. A partire dagli alberi dell’Oasi Cervara di Quinto di Treviso. Le violente raffiche di vento hanno infatti fatto schiantare a terra una serie di pioppi e salici.

Discorso simile sul tratto di Treviso-Ostiglia tra Quinto e Morgano, dove sono caduti diversi arbusti. “La pioggia e il vento hanno lasciato il segno – confermano dall’Oasi Cervara –. Provando a cancellare sconforto e malumore, ci siamo subito messi al lavoro per raccogliere i pioppi e i salici sradicati e caduti”.

Alcuni alberi sono stati tagliati di netto con la motosega. Non era possibile procedere diversamente alla luce delle loro precarie condizioni di stabilità. Anche in via Ostiglia, strada ai confini tra Santa Cristina e Morgano che incrocia il percorso dell’ex ferrovia, sono dovute intervenire le motoseghe. Sempre a Quinto, il vento ha spezzato un grosso ramo all’interno del parco di villa Memo Giordani, struttura di proprietà del Comune, proprio accanto al municipio. A Zero Branco un altro albero è caduto in via Kennedy, la strada che porta verso il Terraglio.

E nella piazza della Rotonda di Badoere, a Morgano, le raffiche hanno piegato l’albero di Natale in fase di allestimento, che nei giorni seguenti è stato prontamente rimesso in sesto. Per fortuna, comunque, in queste zone non sono stati registrati danni paragonabili a quanto visto in altre parti della Regione, a cominciare appunto dal territorio che comprende Venezia, Pellestrina, Chioggia e Rosolina, e arrivando alla provincia di Belluno, martoriata solo un anno fa dalla tempesta Vaia.

Mauro Favaro

Le più lette