Home Veneziano Miranese Sud Mirano. “Energy with Africa”, un progetto contro la povertà

Mirano. “Energy with Africa”, un progetto contro la povertà

Al Teatro Belvedere è intervenuto anche il ministro dell’Istruzione superiore della Guinea, Abdoulaye Yèro Baldè

Cinque anni di gemellaggio tra l’Italia e la Guinea, per rafforzare un ponte tra scuole e territori. È il senso dell’appuntamento con “Energy with Africa, quali energie per un mondo migliore?”, che al Teatro Belvedere, ha portato tra la gente le testimonianze dei protagonisti dell’iniziativa: raccontato così pubblicamente il progetto che dal 2014 unisce i tre istituti superiori della cittadella scolastica e l’Université de Labé, uno dei principali atenei pubblici della Guinea Conakry, con il sostegno delle Acli provinciali di Venezia e del Cesvitem.

Il tutto al culmine di un periodo che ha visto la presenza a Mirano di 5 insegnanti guineani per un periodo di formazione all’Iis Levi-Ponti: toccherà a loro adesso gestire il nuovo laboratorio di elettronica ed elettrotecnica in fase di allestimento all’ateneo di Labé. Al culmine dell’iniziativa, al Levi-Ponti è arrivato anche il Ministro dell’Istruzione superiore e della Ricerca scientifica della Guinea, Abdoulaye Yéro Baldé. A riprova dello spessore che il progetto di cooperazione ricopre per il paese africano.

“Credo fortemente in questo progetto – ha detto il ministro – e nell’innovativa forma di partenariato che lo sostiene. Non si tratta solo di formazione, ma di affrontare alla radice il problema delle migrazioni. Troppi dei nostri giovani partono in cerca di una vita migliore: alcuni arrivano, altri muoiono durante il viaggio, ma in ogni caso si tratta di una grave perdita per il nostro paese. Come africani abbiamo la responsabilità di ridurre la povertà e di dare una speranza ai nostri giovani”.

“La serata pubblica – ha aggiunto Marialuisa Favaro, dirigente del Levi-Ponti e coordinatrice dell’iniziativa – è una restituzione ai cittadini di tutti i passi fatti in questi anni. Gli studenti dei nostri istituti, attraverso Energy with Africa, hanno potuto sviluppare competenze sia sul piano tecnico, sia per la loro crescita come cittadini capaci affrontare le sfide della globalizzazione. Inoltre il progetto, basandosi su un costante interscambio, può aprire la strada a importanti interscambi sul piano economico e commerciale, creando un interessante spazio d’azione anche per le aziende del nostro territorio”.

Filippo De Gaspari

Le più lette