Home Padovano Camposampierese Est Una settimana per ripulire la città di Camposampiero

Una settimana per ripulire la città di Camposampiero

Amministrazione comunale, scuola, Etra e associazione Parini hanno lavorato in sinergia per recuperare i rifiuti sparsi nel territorio sensibilizzando la comunità al problema della plastica

A Camposampiero settimana speciale dedicata all’ambiente e giorno speciale riservato alla pulizia del proprio paese. Camposampiero in prima linea nella difesa del proprio territorio.

Prima c’è stata la chiusura al traffico di Via Filipetto per una settimana, nell’orario di ingresso a scuola per gli alunni della primaria e secondaria di primo grado di Camposampiero, con la collaborazione della polizia locale dell’associazione Parini e degli Uffici Comunali, poi una mattina intera dedicata a raccogliere rifiuti abbandonati nelle diverse aree a testimoniare che al pianeta servono cure e attenzioni e che i ragazzi si mettono in gioco per i primi.

“Amministrazione comunale, scuola e associazione Parini, con il contributo di Etra – spiega l’assessore all’Istruzione, Lorenza Baggio – hanno dato ascolto alle richieste dei ragazzi giunte al sindaco anche attraverso il Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze, e l’occasione di dimostrare che il loro interesse per l’ambiente non è solo virtuale”. A fine ottobre, a partire dal parco di Villa Campello, 230 ragazzi accompagnati dai loro docenti, dopo una bellissima riflessione sulla produzione e gestione dei rifiuti guidata da un tecnico di Etra, muniti di guanti, pinze e sacchi hanno raccolto quanto abbandonato da incuria e superficialità di molti compaesani: plastica, vetro, carta. Dieci le classi che hanno partecipato, prime e seconde medie. Sono ritornati molti sacchi pieni, per l’esattezza 50, per un totale approssimativo di 1300 Kg e tanti visi soddisfatti. Al ristoro ha pensato l’associazione Alpini, sempre disponibile ad accompagnare bambini e ragazzi.

Il sindaco, la dirigente scolastica, il referente del gruppo di lavoro “Plastic Free” della scuola media, professor Zampieri, assessori e consiglieri comunali presenti, il presidente dell’associazione Parini, dopo aver ringraziato i tecnici degli uffici comunali e di Etra, per l’organizzazione e i ragazzi del lavoro svolto con impegno, hanno annunciato che non sarebbe finito tutto lì. Grazie al contributo di Etra, nell’ambito del suo Progetto Plastic Free, è stata donata nei giorni successivi a ciascun alunno della scuola primaria e media una borraccia in alluminio riciclabile da personalizzare, per iniziare a bandire la plastica dal nostro quotidiano, a cominciare da noi stessi.

Nicoletta Masetto

Le più lette