Home Veneziano Miranese Sud Pronto il progetto per la piscina a Spinea

Pronto il progetto per la piscina a Spinea

La piscina a Spinea si farà

Il mese scorso è stata firmata la convenzione urbanistica della struttura che prevede una realizzazione a impatto visivo leggero con linee morbide, pietre e verde. La nuova piscina avrà 3 vasche: una con 6 corsie, una per bambini e una dedicata alla riabilitazione.

La vasca a 6 corsie e quella per i bambini, interne, saranno collocate vicine nella stessa area, accanto alla quale è previsto uno spazio a parte delimitato da una parete divisoria per una terza vasca dedicata alla riabilitazione, che sarà quindi un vero e proprio centro di servizi di riabilitazione. Nella struttura ci sarà anche un bar interno (collegato anche con l’esterno), una hall/ingresso, dotata di grandi vetrate dove si potranno vedere le vasche, collegata al bar. Ci sarà uno spazio verde all’esterno, e dunque una vetrata che si apre su quest’ area verde.

“Oltre alla piscina comunale ci sarà un centro riabilitativo di una certa importanza, collegato ai mezzi pubblici – dice il sindaco Martina Vesnaver. La stazione ferroviaria è vicina e vedremo di farla servire dalla fermata del bus”. Il progetto, come già annunciato in precedenza, prevede inoltre la sistemazione di strade, parcheggi, e un supermercato. “Da quando cominceranno i lavori, le tempistiche dovrebbero essere di 12 mesi – conclude Vesnaver. Entro breve il plastico sarà visibile in municipio. Il tempo per così dire “perso” per la “famosa” proroga ha tuttavia consentito di mettere un po’ mano alla progettazione. Da qui in poi si accelera: incontri e progetti stanno procedendo e, a breve, vedremo il cantiere”.

Molto positivo anche il commento di Massimo Franco, amministratore delegato di Tempo Libero Srl, che realizzerà il progetto: “Fra varie traversie, fondamentalmente amministrativo-burocratiche, adesso finalmente ci siamo. Grande riconoscenza a questa amministrazione che ha da subito appoggiato il progetto dando disponibilità, specie dell’ufficio tecnico, che ha lavorato tantissimo”.

Roberta Pasqualetto

Le più lette