Home Padovano Padova Est Quadrante Nord Est, stop alle bombe d’acqua

Quadrante Nord Est, stop alle bombe d’acqua

Il 2019 si è chiuso all’insegna di numerose opere portate a termine per prevenire allagamenti e rischio idraulico. Ultima tranche in via Serenissima. Nuovi interventi già in calendario per migliorare il deflusso verso Camin

Noventa sempre più protetta dalle “bombe d’acqua” e dagli eventi meteorologici avversi. Con il risezionamento e lo scavo dello scolo in via Serenissima e la realizzazione del collegamento con la conduttura già realizzata in via Matteotti si sono completati gli interventi per la sicurezza idraulica previsti dal Comune nel corso di tutto il 2019 in collaborazione con il Consorzio di Bonifica Bacchiglione.

“Una risposta ancora parziale ma che riteniamo importante per velocizzare il deflusso delle acque” – ha dichiarato soddisfatto il sindaco di Noventa Padovana Alessandro Bisato. Un’ulteriore opera già in calendario per i prossimi mesi prevede inoltre l’adeguamento idraulico del fosso posto tra via Giorgio Perlasca e via Panà, per il deflusso delle acque verso Camin.

Insieme al risezionamento del fosso tra via Pietro Micca e la rotonda di via Serenissima, lato zona industriale, la nuova conduttura in via Ugo Foscolo aiuterà a far defluire le acque meteoriche con la connessione posta a metà di via Cappello. E poi arriverà anche una nuova conduttura che mette in collegamento le tubature già esistenti tra il parcheggio in via Roma e via XXV Aprile, il deflusso dell’intero quadrante Nord Est del territorio comunale, il più soggetto a criticità, dovrebbe così essere finalmente garantito.

Il consigliere delegato alla sicurezza idraulica Giuseppe Masetto e l’assessore Simone Stievano hanno sottolineato l’importanza della collaborazione con i cittadini le cui proprietà sono state interessate dal passaggio delle condutture: “Il nostro ringraziamento va anche al presidente del Consorzio di Bonifica Paolo Ferraresso – ha aggiunto Masetto – e ai tecnici che hanno permesso la progettazione dei lavori, assicurando il minimo disagio a pendolari e residenti. Il nostro progetto di totale messa in sicurezza del territorio contro il rischio idraulico, proseguirà comunque anche nel 2020”.

Procede nel frattempo anche il percorso voluto dall’amministrazione comunale per l’efficientamento energetico dell’illuminazione pubblica, con la sostituzione dei vecchi apparecchi al sodio co quelli al led. Sono già stati sostituiti 650 punti luce, altri 350 lo saranno entro la primavera del 2020 grazie ai contributi del Ministero. Si tratta insomma di interventi importanti che potranno evitare danni a privati e ad attività economiche.

Elena Callegaro

Le più lette